MotoGP, Rossi: "Contento di andare a Portimao, pista fantastica"

Condividere

"Non sono contento della stagione, ho fatto pochi punti". Rossi non è più quello di una volta certamente ma, senza dubbio, anche la Casa giapponese ha commesso degli errori nel progetto della M1 2020, evidenziati anche dalle ottime prestazioni di Morbidelli, l'unico pilota dei due team in sella alla moto del 2019.

Che effetto ti fa lasciare il team ufficiale? "Ma la cosa che mi ricordo di più è quando ho parlato con Lin Jarvis e mi hanno detto che mi avrebbero dato un'altra possibilità di tornare nel team ufficiale alla fine del 2012" ha raccontato Valentino.

La gara di Portimao dunque rappresenterà l'ultimo ballo per un binomio che ha fatto la storia della MotoGP, seppur la coppia si era già separata per due stagioni (quando il fenomeno di Tavullia passo in Ducati) per riprendere a danzare insieme sulle piste del Motomondiale. Dovizioso lo conosco da tantissimo tempo, dai tempi delle minimoto, tante belle battaglie con lui. Mi ricordo in particolare la sua prima vittoria a Brno nel 2016, gara in cui arrivai 2°. "Peccato, perchè ha dimostrato che come velocità se la sarebbe potuta giocare in modo migliore". "Speriamo si essere più competitivi".

"Abbiamo sofferto molto di questo problema e quando non riusciamo a fare funzionare le gomme la moto diventa difficile da guidare. Sì, su quello Vinales ha ragione, quello è l'aspetto più importante, oltre al motore".

Milano: Ambrogino d'oro dal Comune ai Ferragnez e medici - Lombardia
La cerimonia quest'anno a causa del Covid si svolgerà in versione ridotta. " Felice e orgoglioso della mia famiglia". Il giusto riconoscimento , insomma, verso gli " eroi " della pandemia.

La prima Nomination e la delusione di Patrizia de Blanck
La contessa è furibonda per essere andata al televoto in coppia con Francesco Oppini , è la sua 'prima volta' ed esplode. Sembra ormai già chiaro quindi ai due concorrenti che nessuno dei due sarà eliminato nel corso della prossima puntata.

Covid-19, bollettino del 16 novembre: 27354 positivi, 504 decessi
Negli ultimi 10 giorni solo una volta si è superata quella cifra, il 13 novembre, quando i nuovi positivi erano 40.902. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 442.364 con un incremento di 21.554 persone rispetto a ieri.

"Il passaggio dal 2016 al 2017 è stato cruciale per Yamaha, perché abbiamo iniziato a soffrire". Fino al 2016 la moto era competitiva e si potevano vincere sia le gare che i campionati. Da lì abbiamo fatto fatica, ma io non ho capito quanto sia colpa della Yamaha o merito delle altre Case. "Dobbiamo riuscire a progredire come hanno fatto loro".

"Luca (Marini) poteva avere più punti in campionato".

"La lotta al titolo è ancora aperta, può succedere di tutto, però il vantaggio degli altri è grande". Sicuramente ha avuto un momento difficile dopo la caduta di Le Mans: correre in quelle condizioni è la cosa peggiore sul bagnato, e poi Aragon solo qualche punto.

Condividere