Galli: "Crisanti? Io mi vaccino, ma se non c'è neanche l'antifluenzale!"

Condividere

Trasparenza è la parola d'ordine del microbiologo: "Più ce n'è più la gente si fida". Non è instillando dubbi nella popolazione, che è già tra le più scettiche a riguardo, che si fa l'interesse del nostro paese. "Questa levata di scudi è stata irragionevole, perché non ho detto che non mi farò il vaccino, ma semplicemente che è necessario che tutti nella comunità scientifica abbiano accesso ai dati grezzi". "Ma il putiferio si dovrebbe scatenare per il numero dei morti, non su una cosa ovvia come quella che ho detto". Un editoriale del British Medical Journal - ha aggiunto -, la più autorevole rivista medica del mondo, condanna la scienza fatta attraverso le dichiarazioni alla stampa e paragona il vaccino covid al caso Remdesivir. Matteo Bassetti a Tagadà - la trasmissione di La7 condotta da Tiziana Panella - ha criticato Andrea Crisanti che ha scritto una lettera, pubblicata nell'edizione odierna de Il Corriere della Sera, dopo aver fatto scalpore per aver dichiarato che a gennaio non si sottoporrebbe al vaccino in assenza di dati. Ricordate il Remdesivir? È stato approvato e ha degli importanti effetti collaterali.

Pazzini si ritira 'è stato un viaggio pazzesco'
L'attaccante di Pescia ha segnato in carriera 190 gol con oltre 560 partite disputate tra Serie A e Liga. E' stato un viaggio PAZZesco ".

Alex Zanardi trasferito a Padova: le ultime novità
Dal 24 luglio l'atleta era ricoverato al San Raffaele di Milano in condizioni di grave instabilità neurologica e sistemica. Ricordiamo che l'ex pilota è stato vittima di un gravissimo incidente mentre era con la sua handbike nei pressi di Siena.

MotoGP, tapiro d'oro ad Andrea Iannone: "Cercherò di capire come essere utile"
Non si tratta proprio di un premio al merito, ma più semplicemente del simbolo di un errore che ha commesso. Questa sentenza mi ha strappato il cuore, ma il cuore è un muscolo, quindi poi recupera, si riprende.

Pronta la risposta direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Nicola Magrini, su Rai 3."Tutti i vaccini avranno una approvazione europea e successivamente da parte dell'Aifa. Sulla base delle conoscenze che abbiamo oggi questo vaccino non me lo faccio, le procedure accelerate hanno dei rischi intrinseci".

Condividere