Sindacato medici, vaccino antinfluenzale fondamentale under 65

Condividere

Come ha affermato nel corso di una videoconferenza stampa il presidente Alberto Cirio "non siamo disposti a tollerare inadempienze contrattuali quando è in gioco la salute dei cittadini e ricorreremo a tutti gli strumenti legali a nostra disposizione per garantire a coloro che ne hanno diritto il vaccino contro l'influenza".

Si coglie inoltre l'occasione per sottolineare che sono stati messi immediatamente a disposizione da parte di Ats e Asst gli aghi che alcuni medici di medicina generale non hanno ricevuto all'interno dei kit. Soprattutto quest'anno lo consiglio fortemente alle famiglie per quello che sta accadendo in tutto il mondo.

Testato e usato giò negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna, arriva anche il Italia il vaccino antinfluenzale che si somministra con uno spray nasale.

In Italia 34.767 nuovi casi e 692 vittime: terapie intensive, "solo" +10
I numeri relativi all'epidemia da Coronavirus in Italia sono stati diffusi tramite tabella sanitaria dal Ministero della Salute . Il numero dei pazienti in terapia intensiva invece è pari 3.748 (+36), mentre quello dei guariti è salito a 520.022 (+21.035).

Nek sta male, corsa all’ospedale e operazione d’urgenza
Nek in ospedale: il cantante ha avuto un incidente ed è stato operato alla mano: "La cosa importante è che sto bene", annuncia . Da anni è legato a Patrizia Vacondio , donna che ha sposato nel 2006 dopo un lungo fidanzamento durato circa un decennio.

Rita Pavone, lite sfiorata con Anna Tatangelo/ "Cantavi con Gigi D’Alessio", ma…
Classe 1987, Anna Tatangelo , la cantante di Sora , si è fatta strada nel mondo della musica diventando una donna di successo. Ieri, durante la puntata di All Together Now c'è stata una lite molto accesa tra Anna Tatangelo e Rita Pavone .

Si segnala che le difficoltà e i ritardi nella programmazione degli appuntamenti, sono dovuti sempre a ritardi nelle consegne, comunque si sta lavorando per recuperare gli arretrati grazie anche ai numerosi punti vaccinali aperti anche in collaborazione con il personale dell'Esercito.

Purtroppo al momento sembra che non vi saranno altre consegne di vaccino. "Voglio però ringraziare i farmacisti, i grossisti per la distribuzione efficace che hanno fatto fino adesso, i medici di base - ha proseguito Icardi - E' stato creato un po' di disagio negli utenti, ma non è colpa loro, non è colpa dei farmacisti, non è colpa della Regione". Proprio per questo motivo, il consigliere chiede quindi a Regione di poter rendere pubbliche le autorizzazioni così da porre fine a una lunga odissea iniziata già quest'estate: "Ancora una volta ci troviamo a chiedere all'assessore Gallera di rimediare al più presto".

Come se non bastassero i problemi di approvvigionamento dei prodotti per i trattamenti, il tema diventato complesso della vaccinazione antinfluenzale deve confrontarsi anche con la disponibilità di spazi adeguati dal punto di vista sanitario.

Condividere