E’ morto Diego Armando Maradona, addio Pibe de Oro

Condividere

Più forte di tutto ma non di un infarto che a 60 anni ha messo fine alla sua vita leggendaria: è morto oggi nella sua casa di Tigre, quartiere di Buenos Aires in cui viveva, Diego Armando Maradona. Il Pibe de Oro sarebbe stato stroncato da un arresto cardiaco.

Sul posto sono arrivate tre ambulanza, ma era ormai troppo tardi, Maradona era già morto! L'intervento dei medici, purtroppo, non è bastato a salvare la leggenda argentina. Stiamo cercandodi parlare con la sua famiglia. Nel 2002 è stato inserito nella FIFA World Cup Dream Team, selezione formata dai migliori undici giocatori della storia dei Mondiali, ottenendo, tra gli undici della squadra ideale, il maggior numero di voti.

Un arresto cardiocircolatorio ha stroncato Diego Armando Maradona.

Lazio - Zenit: le ultime sul match di stasera
Una partita che in caso di vittoria potrebbe portare la squadra allenata da Simone Inzaghi a un passo dagli ottavi di finale . ZENIT (3-4-3): Kerzhakov; Lovren, Rakits'kyy, Zhirkov; Kuzyaev, Douglas Santos, Barrios, Mostovoy; Erokhin, Malcom, Dzyuba.

Casa Bianca, Trump cede a Biden: via libera alla fase di transizione
Salvo poi precisare che questa decisione non è un riconoscimento della vittoria di Biden né fermerà le sue azioni legali. "Voglio ringraziare Emily Murphy di GSA per la sua costante dedizione e lealtà al nostro Paese".

Pazzini si ritira 'è stato un viaggio pazzesco'
L'attaccante di Pescia ha segnato in carriera 190 gol con oltre 560 partite disputate tra Serie A e Liga. E' stato un viaggio PAZZesco ".

"Per Sempre Ciao Diego", ha scritto il Napoli in un tweet.

Tornando alla seconda serata, più ampio lo spazio dedicato da Rai Sport (DTT, 57) che ricorda D10s con uno speciale in onda alle 22.30: nel pomeriggio, infatti, la rete ha ospitato la Coppa Italia.

Un'immagine di Diego Armando Maradona con la maglia dell'Argentina e l'espressione disperata campeggia su tutta la homepage del quotidiano francese L'Equipe, che titola 'La morte di un dio'.

Condividere