Vaccinazione di massa, Arcuri: ''Si parte nei primi di gennaio

Condividere

La riunione è iniziata intorno alle 9 del mattino, con la partecipazione in videoconferenza del ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario straordinario all'emergenza Coronavirus Domenico Arcuri. Prevede, in una prima fase, 300 luoghi di somministrazione, che dovranno salire a 1500 nei periodi di massa, quando il procedimento risulterà a pieno regime. Tale proposta non è stata accolta, e si sta procedendo con un Piano che prevede evidenti ed immotivati squilibri fra le quote destinate alle diverse Regioni. "E massicciamente a inizio gennaio". In particolare per sapere "se la Regione Umbria ha redatto il piano e in quale data ha provveduto ad inviarlo, in ottemperanza di quanto disposto dalla presidenza del Consiglio dei ministri e quali sono i presidi di somministrazione individuati, sia ospedalieri che residenziali per anziani".

Il simbolo della vaccinazione anti-COVID sarà una primula.

Aggiornamento su Berlusconi: "Seri problemi cardiologici"
Che hanno evidenziato come dalle cartelle cliniche presentate alla loro attenzione emergano seri problemi cardiologici . Per questo i medici gli hanno consigliato il riposo assoluto domiciliare, senza lo svolgimento di alcuna attività.

Amedeo Goria smentisce Maria Teresa Ruta
Sicuramente sarà così". "Siamo tutti con Tommaso", "Ha fatto il percorso più bello di tutti. Perché non giochiamo sulla pelle degli altri, c'è qualcuno che non lo sa fare.

Juventus, Dybala vede solo bianconero: "Il contratto? Amo la Juve" - Sportmediaset
Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI! Il mio procuratore è stato a Torino per tanto tempo. Mi ha dato tanta fiducia quando gli hanno fatto delle domande, ha parlato molto bene di me.

La registrazione è attualmente riservata, come stabilito dal Ministero, a tutto il personale sanitario operante nelle strutture pubbliche e private accreditate, ai medici di medicina generale, ai pediatri di libera scelta, ai farmacisti, ai veterinari e ai sanitari operanti nelle Rsa e nelle case di riposo, compresi gli ospiti di tali strutture.

Ci siamo la vaccinazine anti covid ormai è una realtà a portata di mano. La seconda ondata, che potrà iniziare nel primo trimestre del 2021, inizierà invece dagli 11 milioni di abitanti che hanno più di sessant'anni a partire dai più anziani in giù. Più avanti, per la Befana, dovrebbe arrivare il grosso della fornitura iniziale dell'azienda Usa, cioè 3,4 milioni di dosi (per 1,7 milioni di persone). Da oggi 15 dicembre e fino a venerdì 18 dicembre sono aperte le prenotazioni utilizzando il portale "prenota vaccino" creato appositamente. Non dobbiamo passare un buon Natale, ma un Natale buono, per avere cura di noi stessi e dei nostri cari. "Gli italiani hanno dimostrato di avere responsabilità".

Condividere