Cyberpunk 2077, slitta l’arrivo del primo DLC gratuito?

Condividere

La conferma dei DLC gratuiti giunge infatti dal sito ufficiale di Cyberpunk 2077, anche se al momento non è dato sapere cosa arriverà a Night City.

L'attesa (che è durata veramente pochissimo) è già finita: Cyberpunk 2077 è già pronto a espandersi con nuovi contenuti giocabili in arrivo all'inizio del 2021.

Nonostante le evidenti problematiche e l'arrivo di ulteriori patch correttive, sembra che i contenuti aggiuntivi non subiranno eventuali ritardi.

Coronavirus: Magliocca, Il vaccino? Dopo l'ultimo medico, dopo l'ultimo infermiere
I primi cento vaccini saranno riservati agli operatori sanitari e ai medici che sono in prima linea nel fronteggiare l'emergenza. Chi l'ha costretta a eliminare i suoi social e la sta minacciando dovrebbe vergognarsi.

Flavio Insinna, Federcaccia contro L'eredità: cos'è successo
Flavio Insinna ha scatenato forti proteste da parte dei cacciatori per una frase pronunciata durante " L'eredità ". E i cacciatori si arrabbiano con Flavio Insinna , prospettando un boicottaggio della trasmissione L'Eredità .

PREMIER, Rinviata causa Covid Everton-Man. City
La sfida - inizialmente in programma per lunedì 28 dicembre alle 21:00 - è stata posticipata a data da destinarsi. Un vero e proprio focolaio, quello che sembra essere esploso all'interno del Manchester City .

Il gioco, obiettivamente ingiocabile su piattaforme appartenenti alla old gen, ha scatenato un vero tsunami di polemiche che ha portato al CD Project Red a rimborsare utenti in maniera massiccia oltre a rimuovere, temporaneamente, il titolo dal Playstation Store. L'anticipazione arrivava da un messaggio nascosto nel trailer di lancio, in cui si parla delle (imminenti) espansioni gratuite e di quelle a pagamento: possiamo dunque aspettarci almeno due grandi add-on narrativi, come lo sono stati Hearts of Stone e Blood & Wine per il GdR dedicato a Geralt di Rivia.

Sottolineiamo che c'è ancora una modalità multiplayer da annunciare.

Questa azione legale si è basata sul fatto che la casa ha dovuto correre, come detto, ai ripari con rimborsi e patch create in fretta e furia per evitare ancor più danni, cosa che si tradurrebbe in una falsità delle dichiarazioni fatte dalla stessa CD Project Red che avrebbe fornito informazioni ingannevoli a proposito del proprio prodotto (qui i dettagli).

Condividere