Caso Assange, negata agli Usa richiesta di estradizione

Condividere

Ha deciso un giudice britannico. Dall'altro il fatto che un processo pubblico a Julian Assange negli Usa sarebbe estremamente imbarazzante per l'establishment politico-militare. A emettere il verdetto, a sorpresa rispetto alle attese, è stata la giudice Vanessa Baraister.

"Stabilisco che l'estradizione sarebbe troppo oppressiva per ragioni di salute mentale e ordino il suo rilascio", ha concluso la giudice. L'attivista web australiano, fondatore della piattaforma WikiLeaks diventato - per qualche anno almeno - paladino dell'anti-militarismo americano e dei zelanti difensori della "verità-a-tutti-i-costi", il 4 gennaio ha un appuntamento con il destino.

La stampa in queste ore sta prospettando ricorsi da parte di Washington, ma dall'amministrazione Trump e dai vicini alla Casa Bianca non sono ancora arrivate dichiarazioni in questo senso. Così Assange e i suoi collaboratori sono finiti per mettere in pericolo anche le vite di cittadini afgani e iracheni, giornalisti e leader religiosi che fornivano informazioni alle forze americane, esponendo queste persone a gravi rischi.

La persecuzione giudiziaria di Julian Assange si interrompe quando il cyber-attivista riceve l'asilo politico dal governo ecuadoriano, al tempo guidato dal presidente progressista Rafael Correa, all'interno della sede dell'ambasciata dell'Ecuador a Londra.

Grande Fratello Vip, Andrea Zenga lancia frecciate al padre Walter
Il suo atteggiamento è piaciuto molto il studio, anche a Signorini che ha voluto fargli i suoi complimenti. Le parole di Andrea nei confronti del padre , non sembrano proprio aver suscitato la reazione sperata.

Covid, in Italia 15.378 positivi e 649 vittime
Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono 202, il totale dei ricoverati in terapia intensiva è ora di 2.569. Dall'inizio della pandemia i contagi in Italia sono pari a 2'166'244, con 1'520'106 guariti e 75'680 decessi .

Covid: Johnson parla stasera alla nazione, nuova stretta in arrivo in Gb
Nelle ultime 24 ore, la Gran Bretagna ha registrato 58.784 nuovi positivi, su un numero di tamponi pari a 430.000. La differenza, ha tenuto a precisare Johnson, è che oggi esistono due vaccini.

Negli Usa Julian Assange è accusato di 18 capi di imputazione, tra cui pirateria informatica e spionaggio informatico, per i quali rischierebbe una condanna fino a 175 anni.

La scelta di puntare, per respingere la richiesta di estradizione, sul tema delle condizioni di salute di Assange ha evitato alla corte di esprimersi sulla questione principale in gioco: la libertà d'informazione.

Assange è la prova vivente del coraggio della verità, non quella "medicata" delle veline del potere, anche quando si maschera di democrazia, ma quella vera.

Al momento Assange ha superato il rischio più grande: quello dell'estradizione nel paese di cui ha denunciato i crimini più abietti e le bugie che hanno addormentato l'opinione pubblica affinché i crimini denunciati potessero passare come "esportazioni di democrazia".

Condividere