Nuovo Dpcm, le regole dal 16 gennaio: stop asporto bar. Le novità

Condividere

L'unica cosa certa al momento è che il nuovo provvedimento - al quale sarà affiancato un Dl per estendere il divieto di spostamento tra le regioni - continuerà a prevedere le zone colorate e il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino.

La novità principale riguarderà le zone gialle: saranno vietati gli spostamenti tra regioni indipendentemente dal colore, se non per motivi di lavoro, salute, urgenza. È quanto apprende l'Ansa al termine della riunione del premier Giuseppe Conte con i capi delegazione in vista di due nuovi provvedimenti, che saranno probabilmente un Dl e un Dpcm. Proprio il ministro illustrerà le restrizioni al Parlamento, mercoledì 13, prima che il testo sia firmato. Forse sì, a giudicare da alcuni rumors di palazzo che riguardano le norme che potrebbero entrare in vigore con il nuovo Dpcm che regolerà il Paese a partire dal 16 gennaio, e che potrebbe non consentire più neanche l'asporto e il delivery nelle ore serali.

Si aprirà domani la settimana che porterà al nuovo dpcm. Esclusa invece l'ipotesi di week end sempre arancioni.

Open Arms, Salvini: "Conte ha detto che ho agito con il Governo"
E anche in questo caso il timing gioca a sfavore del nostro. "Mi preoccupa avere al Governo incapaci e litigiosi". La penalista ha anche chiesto di depositare una serie di email della Open Arms di cui ha chiesto la traduzione.

Boom di ascolti per la prima puntata di Che dio ci Aiuti
La seconda puntata di Che Dio ci aiuti 6 andrà in onda eccezionalmente domenica 10 gennaio sempre su Rai 1 alle ore 21 .25. Muta, con un lungo percorso da fare prima di tornare ad essere la bambina felice ed allegra che era.

CORONAVIRUS: una VARIANTE SUDAFRICANA del COVID adesso fa PAURA. Tutti i DETTAGLI
La nuova variante sudafricana del COVID-19 continua a preoccupare gli esperti . Anche perché ci sono dubbi sull'efficacia del vaccino.

Per ciò che concerne bar e ristoranti, sembrerebbe confermata la decisione di farli chiudere alle 18, ma in tal senso potrebbe esserci un'ulteriore stretta sulla movida, con il divieto di asporto per i bar dopo le 18. Con molta probabilità verrà rinviata l'apertura degli impianti sciistici ma si attende il parere dei tecnici sulle nuove proposte che devono arrivare dalle Regioni dopo che erano state invitate ad aggiornare il protocollo. All'incontro, voluto dal ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, parteciperà in video conferenza anche il ministro della Salute Roberto Speranza. Nel caso in cui questa ipotesi diventi realtà, la regione più a rischio zona rossa sarebbe il Veneto, seguita poi da Emilia Romagna e dalla provincia di Bolzano.

Il nuovo Dpcm 16 gennaio non farà riaprire le piscine e le palestre ma si sta discutendo sulla concessione agli sport individuale.

Condividere