Ripartizione dei vaccini Pfizer dopo i tagli, a Toscana -36% dosi - Toscana

Condividere

"L'arbitraria distribuzione decisa dall'azienda, non condivisa né comunicata agli uffici del Commissario - ha proseguito Arcuri - produrrà un'asimmetria tra le singole Regioni, con una differente riduzione delle consegne e con sei Regioni che non subiranno alcuna riduzione".

La settimana entrante verranno quindi garantiti tutti i richiami, ovvero la seconda dose per completare la vaccinazione, sia del personale che lavora nella sanità regionale sia degli operatori e dei degenti delle CRA. "Le rassicurazioni ricevute - spiega Trama - sono importanti perché in caso di un forte slittamento delle consegne avremmo dovuto rallentare la somministrazione della prima dose di vaccino per conservare quello necessario per il richiamo a chi l'ha già fatto".

Le quasi 27mila dosi in arrivo lunedì e martedì si aggiungono a quelle ad oggi disponibili: 29.039 Pfizer e 5.900 Moderna. Torneremo al calendario iniziale di distribuzione all'Ue a partire dalla settimana del 25 gennaio, con un aumento delle consegne dalla settimana del 15 febbraio.

Fiorentina, Prandelli: "Questione stadio, follia italiana. Commisso un innovatore"
E' chiaro che ci siano delle contrapposizioni, non so se è la politica del calcio o quella nazionale. Il fatto che arrivi a Napoli e lo stadio ha il suo nome, percepisci cosa significhi per la città.

Tragedia sul K2, morto lo scalatore spagnolo Sergi Mingote
Si tratta dell'alpinista spagnolo Sergi Mingote , morto a causa di una caduta alle pendici dell'imponente montagna. Giunto a quel punto (5300 metri) era diretto al campo base di 4900 metri quando è rimasto vittima di una caduta.

Inter, Conte: "Teniamo alla Coppa Italia, Fiorentina ottima squadra. Eriksen? Provato regista"
Eriksen? Durante una carriera di un giocatore ci sono momenti favorevoli e momento meno favorevoli, bisogna avere carattere e uscirne alla grande.

L'Agenzia del farmaco norvegese, la Statens legemiddelverk, ha diffuso un comunicato che riguarda 23 decessi associati al vaccino Covid prodotto da Pfizer e BioNTech. Dalla prossima settimana arriveranno 10.530 dosi. A sottolineare l'importanza del momento non sono voluti mancare il sindaco Simone Calamai e l'assessore alle politiche sociali del Comune di Montemurlo, Alberto Fanti. "Su questo deve esserci il massimo rigore anche da parte dell'Unione europea rispetto a contratti di fornitura sottoscritti con l'Italia e gli altri Paesi europei".

Di seguito la ripartizione delle dosi che verranno consegnate alle Regioni ed il confronto con il precedente piano di consegne.

Condividere