Renzi, attacco diretto a Conte: "Avrebbe dovuto dimettersi"

Condividere

Siamo chiamati a costruirlo insieme, è un appello trasparente, alla luce del sole, chiaro che propongo nella sede più istituzionale e rappresentativa del Parlamento. Anzi due: i voti del M5s Ciampolillo e quello "misterioso" di Nencini. Dopo l'esame dei video delle telecamere dell'Aula, è stato verificato che i due avevano annunciato il loro voto prima che la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, chiudesse la votazione. Si andrebbe, dunque, verso un esito sorprendente, anche se l'escalation verbale di Matteo Renzi, durissimo contro il premier nel suo intervento a Palazzo Madama, lasciava presagire il peggio per il presidente del Consiglio. Prosegue allora la conta per assicurarsi almeno la soglia in grado di blindare l'esecutivo, consentendo un allargamento della maggioranza spalmato in tempi più ampi.

Il leader di Italia Viva ribadisce tutte le durissime critiche al presidente del Consiglio: l'immobilismo sulle scelte economiche e la volontà di accentrare tutte le decisioni nelle sue mani su una linea dei "pieni poteri". Ma soprattutto la speranza è che il partito renziano si spacchi e che, come Vito De Filippo ieri, altri abbandonino la scialuppa renziana per tornare al Pd.

Se su Renzi la disapprovazione è generale sul governo le opinioni sono più variegate. Solo il 36% vorrebbe un Conte Ter, anche se ovviamente si raggiunge il 74% tra i pentastellati e il 72% tra i democratici. La bussola del Capo dello Stato resta naturalmente la Costituzione e i drammatici problemi a cui è chiamato a far fronte il Paese. "Non hanno i numeri nelle commissioni".

Shalpy su ‘Rolling Stones’: pronto a fare il cameriere
Sto portando alla ribalta la mia storia, ma non sono il solo. " Io sto facendo un appello ". Ma sono dettate dal mio essere, dal mio vissuto, dalla mia emozionalità.

Ascolti TV: dati Auditel di ieri, venerdì 15 gennaio 2021
Nell'access prime time, Soliti ignoti - Il ritorno ha giocato insieme a 5.436.000 di telespettatori con il 19.8% di share. Dati che hanno permesso a suor Angela di duplicare e superare tranquillamente lo share registrato da DayDreamer .

WhatsApp rinvia al 15 maggio le regole sulla privacy
E purtroppo è davvero difficile proteggersi da questi attacchi, soprattutto a causa delle continue catene che girano su WhatsApp . Messaggi , foto, video personali , che fine faranno? "Molte aziende si affidano a WhatsApp per comunicare con i propri clienti".

Sono stati 259 i voti contrari e 27 gli astenuti. Anche qualora Italia Viva dovesse astenersi, il Premier non dovrebbe infatti avere difficoltà a raggiungere la maggioranza. Hanno votato "sì" anche Pier Ferdinando Casini e Mario Monti.

Sta a guardare al momento il centrodestra, che in questi giorni, con vertici continui, ha ribadito la compattezza della coalizione da Fi all'Udc.

Dal punto di vista formale, l'Italia non è ancora in una fase di "crisi di governo". I numeri del Senato non possono non preoccuparlo e l'obiettivo di rendere irrilevante Italia Viva di Matteo Renzi appare, per ora, lontano. Un'ipotesi alla quale, in realtà, non sembrano credere in molti, visto la particolarità del momento, con il Paese ancora alle prese con la difficile gestione dell'emergenza sanitaria. Tra queste il Recovery plan, più volte definito un'occasione storica, lo scostamento di bilancio, il decreto Ristori, la campagna vaccinale e la presidenza del G20.

Condividere