Governo Draghi, squadra con 23 ministri: poche donne e molti partiti

Condividere

Alle 19, al termine di una giornata in cui l'agenda è più volte cambiata e in cui si sono susseguite voci di possibili allungamento dei tempi, si è recato al Quirinale e ha incontrato il presidente Sergio Mattarella comunicandogli la composizione del suo nuovo governo.

In serata Draghi ha incontrato i presidenti di Senato e Camera, Elisabetta Casellati e Roberto Fico, e il premier uscente Giuseppe Conte.

Alle 12 ci sarà il giuramento del presidente del Consiglio e dei componenti il nuovo Governo al Palazzo del Quirinale. Via anche Nunzia Catalfo, antipasto di una svolta che ci si prefigura sulla gestione di Inps e reddito di cittadinanza: lascerà il posto ad Andrea Orlando, che riappare in una compagine governativa mentre scompare l'altro ex vicesegretario del Pd, Paola De Micheli. Di Leu è espressione Roberto Speranza.

Ad oggi molto di ciò che si sa è frutto di indiscrezioni o di particolari emersi dalle consultazioni con le parti politiche. Con il passaggio della campanella il nuovo presidente del Consiglio si insedia ufficialmente alla guida del governo. Draghi si porta a Palazzo Chigi Roberto Garofoli, bersaglio della stampa quando era al Ministero dell'Economia e Finanza. E' contento invece Matteo Renzi, senza il quale questo governo non sarebbe mai nato, anche se dispiaciuto per l'ostracismo alla sua Teresa Bellanova che dentro il Bimbi non hanno voluto fare entrare. "L'Italia ora deve ripartire: sanità, economia, lavoro, scuola". Il neo premier, davanti alle telecamere, si è limitato a leggere l'elenco dei nuovi ministri, senza aggiungere considerazioni e senza intrattenersi con i giornalisti per rispondere a domande.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi
Il presidente del Consiglio Mario Draghi

Draghi e tutti i ministri recitano di fronte al Capo dello Stato la seguente formula: "Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo della Nazione".

Mancavano pochi minuti alle 20 di venerdì 12 marzo quando è stato annunciato che Mario Draghi aveva sciolto la riserva. Bel riconoscimento a D'Incà, dei 5 Stelle, nel suo ruolo di raccordo col Parlamento. Riservato, silenzioso, pragmatico. La sua impronta è sui ministeri che saranno chiave nella sfida del Recovery plan (Tesoro, Giustizia, ma anche Transizione ecologica e Transizione digitale, dicasteri fondamentali per il Green deal europeo e per la svola digitale richiesta dall'Ue).

Ministro dello Sviluppo Economica Giancarlo Giorgetti.

Connettività a singhiozzo in Birmania dopo il colpo di stato
Anche il segretario generale dell'Onu , Antonio Guterres, ha condannato "con forza" le detenzioni operate dai militari . Secondo osservatori la Cina non sarà contenta della piega che stanno prendendo gli eventi.

È morto Dustin Diamond
La frase finale è un riferimento a una battuta che spesso facevano nella serie Bayside School . Della sua morte, viene detto che è stata rapida e che non gli ha causato sofferenza.

MARSIGLIA, I tifosi invadono il campo di allenamento
Non ho mai avuto informazioni dalla dirigenza, non mi aspetto l'offerta di rinnovo. " Ci sarà una pulizia totale ". Un vero e proprio annuncio alla vigilia della partita contro il Rennes .

Condividere