Impeachment: il Senato Usa assolve Trump

Condividere

Il verdetto è arrivato alla fine di una lunga giornata che ha visto diversi colpi di scena, prima con il voto del Senato a favore di nuove testimonianze, ipotesi poi accantonata dopo una breve sospensione dell'udienza.

McConnell, che aveva condannato pubblicamente Trump per aver istigato l'assalto al Congresso, ha sposato la tesi difensiva dell'incostituzionalità dell'impeachment contro un presidente già decaduto, ritenendo che si tratta "principalmente di uno strumento per la sua rimozione" e che il Senato non ha quindi giurisdizione. Trump è stato assolto per la seconda volta in un procedimento di impeachment, ed è il primo caso nella storia Usa in cui questo procedimento viene avviato contro un presidente non più in carica. Il capo responsabile dell'impeachment ha avvertito che un'assoluzione, che dovrebbe verificarsi, potrebbe mettere l'America su una strada pericolosa.

Vaccino Campania over80, Il Mattino: "Le dosi non sono abbastanza per tutti"
Aggiornamento delle ore 22: sono oltre 44 mila le doppie prenotazioni effettuate per il vaccino anti COVID rivolto agli over 80 . Non è chiaro come si muoveranno i gestori nelle prossime ore, ma sicuramente sarà necessaria una rettifica.

Torino, il nuovo acquisto ha il Covid-19: va in isolamento
Tutto il Torino Football Club accoglie Sanabria con un caloroso abbraccio: "benvenuto a Torino , Sempre Forza Toro!". Voluto fortemente da Urbano Cairo e Davide Nicola, il paraguaiano è stato ufficialmente annunciato oggi.

Covid: calano i contagi, ma aumentano i ricoverati
Infine, si segnala il decesso di una donna di 74 anni diagnosticata dall'Ausl di Piacenza ma residente in provincia di Lodi . In totale, dall'inizio dell'epidemia i decessi in regione sono stati 9.510.

"Questa è la domanda davanti a tutti voi in questo processo: Questa è l'America?" Alla richiesta di McCarthy di placare gli animi dei suoi sostenitori e fermare l'assalto al Campidoglio, Trump avrebbe risposto: "Martin, credo che quelle persone siano più arrabbiate di te per le elezioni".

Accuse che si sono spinte fino a cercare di dimostrare che i rivoltosi puntassero ad uccidere Nancy Pelosi, la presidente della Camera da molti definita 'nemica giurata' di Donald Trump. Intervistato dal programma Squawk Box della CNBC, il direttore finanziario Ned Segal ha affermato che se anche Trump dovesse nuovamente correre per la Casa Bianca o un altro ruolo pubblico, Twitter non rimuoverebbe il ban che l'ha allontanato ormai da un mese dalla sua piattaforma preferita per comunicare con l'elettorato.

Condividere