Discorso Draghi al Senato. Irreversibilità dell’Euro e visione europea

Condividere

Dopo una giornata passata in Senato, il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha tenuto il suo discorso di replica: a breve, infatti, si voterà per la fiducia. "Non esiste un prima e un dopo", secondo Draghi. Orlando ha una grande esperienza di governo perché è stato ministro dell'Ambiente nel governo Letta (28 aprile 2013 - 22 febbraio 2014), restando nell'esecutivo anche nei governi Renzi e Gentiloni (22 febbraio 2014 - 1 giugno 2018) con il cruciale incarico di ministro della Giustizia. In Italia c'è uno dei peggiori gap salariali tra generi ed è cronica la scarsità di donne nei ruoli chiave.

La politica ascolta e quasi unanime plaude, per le polemiche ci saranno altri giorni: Berlusconi invita a guardare al "minimo comune denominatore" fra le forze che sostengono il governo, Zingaretti in una dichiarazione stringata si dice convinto che "l'Italia si trovi in buone mani". Magi ha inoltre chiesto che il governo proponga la cittadinanza per Zaki. Ma, sorpresa, anche Mario Draghi ha le sue incertezze. Il presidente del Consiglio segue il dibattito (che sarà interamente trasmesso in televisione) dai banchi del governo. "Dobbiamo rendere possibili le vaccinazioni in tutte le strutture disponibili, pubbliche e private". La scuola deve riaprire, i giovani - a cui Draghi riserva ampio spazio - hanno il diritto di recuperare il tempo perso.

"La nostra prima sfida è, ottenutene le quantità sufficienti, distribuire" il vaccino "rapidamente ed efficientemente".

Berlusconi, è successo ancora: un nuovo bebè in arrivo
La bellissima coppia fresca di matrimonio sarebbe già pronta ad accogliere un bebè in casa. Per la dodicesima volta! Presumibilmente nel mese di luglio.

Etna, eruzione in corso e voli sospesi: cosa succede?
Lo conferma all'Ansa l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania . La fontana di lava si è fermata poco prima delle 20.

Ecco il Governo Draghi: la lista di tutti i ministri
Tra i 23 ministri del governo Draghi , 17 hanno già ricoperto ruoli di governo mentre sei sono esordienti. In particolare sono del M5S Luigi Di Maio , Stefano Patuanelli , Fabiana Dadone e Federico D'Incà .

Crisi climatica. C'è bisogno "di politiche strutturali che facilitino l'innovazione, l'accesso delle imprese capaci di crescere al capitale e al credito e di politiche monetarie e fiscali espansive che agevolino gli investimenti e creino domanda per le nuove attività sostenibili che sono state create".

"Uscire dalla pandemia non sarà come riaccendere la luce - ha proseguito Draghi -. L'Italia, sostenuta anche da alcuni Paesi mediterranei come la Spagna, propone come concreta misura di solidarietà un meccanismo obbligatorio di redistribuzione dei migranti pro-quota". "E la scelta di quali attività proteggere e quali accompagnare nel cambiamento è il difficile compito che la politica economica dovrà affrontare nei prossimi mesi". L'ex presidente della Banca centrale europea (BCE) ha iniziato rimarcando che "il primo pensiero che vorrei condividere riguarda la nostra responsabilità nazionale, il principale dovere a cui siamo chiamati tutti, io per primo". Adesso sarà il governo Draghi a decidere quale sarà il meccanismo per distribuire le risorse. "La parità non si ottiene con un farisaico rispetto delle quote rosa richieste dalla legge, ma offrendo parità di condizioni competitive e un sistema di welfare per superare la scelta tra famiglia e lavoro". "La velocità è essenziale non solo per proteggere gli individui e le loro comunità sociali, ma ora anche per ridurre le possibilità che sorgano altre varianti del virus".

La conclusione del Premier: "Oggi l'unità non è un'opzione ma un dovere".

Condividere