La Lombardia resta zona gialla

Condividere

È l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato a comunicare che il Lazio non dovrebbe passare in zona arancione. Per quanto riguarda le province, sono 773 i nuovi casi nella città metropolitana di Milano, di cui 263 a Milano città, 559 a Brescia, 96 Monza e Brianza, 209 a Varese, 142 a Como, 121 a Mantova, 119 a Pavia, 238 a Bergamo, 93 a Cremona, 91 a Lecco, 53 a Lodi e 10 a Sondrio. 55 i pazienti deceduti e 1.470 quelli guariti. A pesare sono le varianti che hanno condizionato i dati relativi alla diffusione. Gli ospedali rischiano di tornare sotto pressione. Nei dati diffusi una settimana fa, però, l'Rt del Lazio era di poco inferiore ad uno: 0.96. Ma c'è di più.

"Dai dati in nostro possesso del monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità (Iss) il Lazio dovrebbe rimanere in zona gialla con un valore Rt a 0.95, una riduzione del numero dei nuovi focolai, una riduzione del tasso di occupazione dei posti letto totali di terapia intensiva e di quelli in area medica entrambi al di sotto delle soglie di allerta". Le regioni già citate sono a un passo dal ritorno in arancione insieme a Piemonte, Friuli e Marche. Anche il governatore del Piemonte Alberto Cirio confida di restare in zona gialla: "La situazione non è peggiorata, è stabile".

Se infatti la Sicilia ride, oggi - nel venerdì che di consueto ridipinge il Paese coi colori che entreranno in vigore da lunedì - c'è chi al contrario rischia di piangere.

Formia - Coltellate in Via Vitruvio, 17enne ucciso e altri due gravissimi
Feriti altri due partecipanti alla rissa di 18 e 16 anni, non sarebbero in gravi condizioni. Aggredito con una coltellata al collo che gli ha reciso la carotide.

Cts: "Non ci sono le condizioni per aprire le piste da sci"
Aggiunge il consigliere valdostano Jean Barocco "Surreale com'è stata trattata la montagna in queste ultime ore". Anche i sindaci valdostani prendono posizione sulla decisione arrivata da Roma.

Ecco il Governo Draghi: la lista di tutti i ministri
Tra i 23 ministri del governo Draghi , 17 hanno già ricoperto ruoli di governo mentre sei sono esordienti. In particolare sono del M5S Luigi Di Maio , Stefano Patuanelli , Fabiana Dadone e Federico D'Incà .

Il ministero della Salute registra un'incidenza al 18% della variante inglese, ritenuta la più trasmissibile, ma ritiene che questa percentuale possa salire. Gli scienziati evidenziano la necessità di seguire una linea di massimo rigore per prevenire una "terza ondata" che potrebbe essere addirittura più aggressiva della seconda.

In Abruzzo sembra esserci una situazione più difficile e delicata, dove ci sono due capoluoghi in zona rossa, Pescara e Chieti. Venerdì, invece c'è il rischio che tutta la regione arrivi oltre l'indice RT del 1.20, questo è il limite per esser dichiarata zona rossa. Con il nuovo decreto legge, resterà la possibilità di fare visita ad amici o parenti, a patto che a muoversi siano solo 2 persone non conviventi e che lo facciano una sola volta al giorno e verso una sola abitazione privata, fra le ore 5.00 e le 22 (orario del coprifuoco).

Condividere