Milano, la senatrice a vita Liliana Segre si vaccina contro il Covid-19

Condividere

Fra gli over 80 noti, oltre alla senatrice a vita Liliana Segre, sono stati vaccinati oggi al Fatebenefratelli, in centro a Milano, anche l'étoile Carla Fracci e l'attore Renato Pozzetto. L'ultranovantenne milanese, sopravvissuta ad Auschwitz, si è presentata al centro vaccinale verso le 11:30 per la somministrazione programmata. La senatrice è stata successivamente raggiunta anche dalla vice presidente e assessora al Welfare Letizia Moratti: anche lei ha voluto ringraziarla personalmente per il video.

Sci, Garavaglia subito gli indennizzi nel testo del decreto Ristori
In ogni caso gli indennizzi per la montagna dopo la chiusura degli impianti saranno nel prossimo decreto ristori, il 'quinquies', ha sottolineato Garavaglia . "Quindi bisogna usare i soldi del Recovery per fare investimenti mirati, per ripartire alla grande come la nostra montagna sa fare".

Covid-19: in Lombardia tasso di positività al 6,5%
A ricevere la prima dose di vaccino sono state 2.868.505 persone mentre la seconda è stata somministrata a 1.264.844 persone. I deceduti sono stati 47 per un totale di 27.699 dall'inizio della pandemia mentre guariti e dimessi sono 1.019 più di ieri.

Conte lascia Palazzo Chigi tra gli applausi: standing ovation dalle finestre
Passaggio della campanella con "amuchina" per il premier uscente Giuseppe Conte e il presidente del Consiglio Mario Draghi.

La senatrice inoltre ha fatto da testimonial per la campagna di vaccinazione anti Covid-19 di Regione Lombardia. Fontana ha sottolineato a Liliana Segre come ancora vi siano molte persone che non si sono registrate sul portale (le adesioni sono 400mila su 726mila over 80 in Lombardia): "Io dico, sta gente è pazza che non vuole fare il vaccino?", ha risposto Liliana Segre, aggiungendo poi che forse molte persone sono bloccate dalla paura. Non oggi, davanti al virus, ma in tutta la mia vita. Sono molto contenta di avere avuto l'opportunità di fare questo vaccino, cosa di cui sono molto convinta. "Quando ho viaggiato mi sono fatta vaccinare contro il colera, ho vaccinato i miei figli e sono stati vaccinati i miei nipoti". Non ho paura del vaccino, ho paura della malattia. Nel raccomandare a tutti di vaccinarsi e aderire alla campagna della Regione, Liliana Segre ha così concluso: "penso che chi si rifiuti di fare il vaccino sia purtroppo pauroso o non abbastanza informato". Quello che mi ha profondamente segnato di questa pandemia è purtroppo dovuto a cose che avevo già visto. Ho visto a suo tempo sciacallaggio, prepotenze, che il debole veniva sopraffatto dai più forti e qualche volta ho rivisto questo anche in tempo di pandemia.

Condividere