Meloni, insulti pesanti da Gozzini: "Va**a, scrofa". Interviene anche Mattarella

Condividere

Ora questo qui contro l'on. Meloni. Contro le donne è sempre più facile. "Non sarebbe ora di smetterla?" "Chiediamo che l'emittente - conclude Donzelli - si scusi con la diretta interessata e che al professor Gozzini, come a tutti gli interlocutori, venga impedito di intervenire ancora in radio insultando gratuitamente chicchessia".

Governo, Draghi incassa fiducia alla Camera. Come al solito gli intellettuali di sinistra predicano bene e razzolano male, dimostrandosi buoni a cavalcare le battaglie in difesa delle donne solo a corrente alternata.

Intervenuto al programma radiofonico Bene Bene Male Male, su Controradio il 19 febbraio scorso, lo storico e professore dell'Università di Siena Giovanni Gozzini ha iniziato a parlare di Giorgia Meloni, ironizzando sul fatto che gli mancassero le parole per descriverla: "Datemi dei termini: una rana dalla bocca larga?".

"Gozzini si è scusato prima con me e successivamente con un comunicato. Non è mio costume, né come ospite storico della trasmissione di Controradio né in altra sede promuovere un linguaggio che non sia più che rispettoso nei confronti di tutti".

Le parole con cui Draghi chiede a Salvini di archiviare il salvinismo
"Mattinata di lavoro concreta e produttiva con i bravi governatori di Sicilia e Calabria , Nello Musumeci e Nino Spirlì .

Coronavirus Campania, 1.135 contagi e 17 morti: bollettino di martedì 16 febbraio
Bisogna rafforzare le misure in Italia per contrastare le variante inglese del coronavirus e arginare la diffusione del Covid. Per il momento sono stati raccolti e analizzati i dati provenienti da 82 laboratori diversi.

Ecco il Governo Draghi: la lista di tutti i ministri
Tra i 23 ministri del governo Draghi , 17 hanno già ricoperto ruoli di governo mentre sei sono esordienti. In particolare sono del M5S Luigi Di Maio , Stefano Patuanelli , Fabiana Dadone e Federico D'Incà .

"Condanno con decisione le offese sgradevoli rivolte dal professor Gozzini all'on.Giorgia Meloni". Lo ha detto il rettore dell'Università di Siena Francesco Frati in merito a quanto dichiarato, con riferimento alla leader di Fratelli d'Italia, da Giovanni Gozzini, storico e docente dell'Ateneo senese, durante una trasmissione radiofonica ieri. Il che ovviamente non può essere una giustificazione. "Solidarietà a Giorgia Meloni".

"Pensate se quegli stessi insulti fossero stati rivolti ad una donna e una politica della sinistra italiana, ad esempio una Boldrini o una Bellanova, quante voci oggi griderebbero parole di condanna verso l'inaccettabile violenza verbale di quest' "uomo" (ammetto una certa difficoltà morale a definirlo tale)". Un linguaggio brutale come quello usato per attaccare la presidente di Fratelli d'Italia va respinto al mittente. "Tutta la mia solidarietà e il mio abbraccio a Giorgia Meloni".

"Solidarietà all'amica Giorgia Meloni per gli squallidi insulti ricevuti".

"Poi è la volta del deputato di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli che affida il suo commento ad una nota stampa: "'Vacca e scrofa. La mia solidarietà a Giorgia Meloni. Ma in caso di voto, il centrodestra unito viene dato al 46,3%, in leggero vantaggio su un'eventuale "alleanza progressista" tra tutte le forze politiche che appoggiavano il governo "Conte bis", che arriverebbe al 45,9%. "Il primo sentimento è stato quello dell'indignazione per le parole usate da un membro della nostra comunità che in un certo senso la rappresenta, anche se la cosa non è avvenuta in classe - spiega - Frasi che hanno un contenuto sessista oltre che ingiurioso, pronunciate nei confronti prima di tutto di un componente del Parlamento e in secondo luogo di una donna". La manovra politica di Matteo Renzi non pare aver giovato in alcun modo ad Italia Viva, che perde lo 0,3% rispetto all'ultima rilevazione e si ferma così al 3%. Sono sempre sinonimo di inciviltà e incapacità di accettare che gli altri abbiano idee diverse. Quando però arrivano da un professore universitario, che deve formare giovani, non possiamo tacere e tollerare.

Condividere