Sbloccato il lotto di Astrazeneca: 22mila dosi saranno iniettate in Veneto

Condividere

Abbiamo la bella notizia che è stato sbloccato il lotto di Astrazeneca di Biella: "sono 22mila dosi che ci permettono di fare i vaccini anche domani, ma poi non ne abbiamo più, se non arrivano le nuove forniture", che secondo l'assessore alla salute Manuela Lanzarin dovrebbero essere: "Per domani è previsto l'arrivo di 83mila dosi Pfizer mentre per AstraZeneca si tratta di 100mila dosi per fine settimana".

E poi ancora: "Per vaccinare però ci vogliono i vaccini". E ha aggiunto: "Se oggi avessi avuto quei 27milioni di vaccini che ci avevano proposto - e ricordo che sarebbero stati pagati alla consegna della merce, validata - adesso avrei meno problemi.". Ieri campagna vaccinale per accesso diretto nata da una mia idea buttando il cuore oltre l'ostacolo come nella Repubblica Veneta con gli editti, le pubblicazioni. Ieri è andata bene perché su 3.426 persone della classe 1936 sono state vaccinate il 79,5% e 768 accompagnatori, per lo più coniugi. Attendiamo il grande lavoro dei medici di base e nelle aziende, per metà mese vogliamo chiudere con gli over 80. "Chiedo comprensione e pazienza, non sappiamo quanti e quando avremo a disposizione i vaccini".

Il 14 luglio l'immunità di gregge per l'Unione Europea
Il " passaporto sanitario " che l'Unione europea vuole realizzare per una riapertura in sicurezza sarà disponibile dal 15 giugno . Il commissario ha anche mostrato il certificato sanitario illustrando sia la versione digitale sia quella cartacea .

Covid: ricoveri Gb ai minimi, ma frena il calo dei contagi
I decessi sono 13; i ricoveri nelle terapie intensive calano a 78 mentre quelli in altri reparti sono 645. Il totale da inizio epidemia sale a 3.510 casi , di cui 2.656 in Val di Non e 854 in Val di Sole .

Scossa di terremoto avvertita a Trani
Secondo le prime rilevazioni della Us Geological survey, l'epicentro sarebbe a 63 chilometri da Vieste, nel mare Adriatico . Arrivano segnalazioni inoltre che sarebbe stata avvertita anche a Roma . "Ragazzi, ma lo avete sentito il terremoto? ".

Venezia, 28 marzo 2021 Durante la visita al centro vaccinale di Godega di Sant'Urbano, in provincia di Treviso, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha simpaticamente rimproverato un anziano reo di essersi presentato in anticipo al centro.

Tutte le prenotazioni informatiche, una volta a regime, confluiranno nel sistema unico di ciascuna Ulss, che potrà comunque, se lo ritiene opportuno, affiancare altre modalità di prenotazione. Ma noi vogliamo che ci sia una modalità di prenotazione per tutti uguali. "E, se ci fossero problemi per la prenotazione via internet sarà attivo anche un call center dedicato con un numero unico per chi non utilizza il pc". "Prima di allora vi sono le persone più anziane". OGGI INCONTRO CON DRAGHI porremo come Veneto la possibilità di acquisto dei vaccini. Il portale realizzato dalla Regione è pronto e indicativamente da giovedì 1 aprile sarà operativo a regime. Aiuteranno le persone a fare la prenotazione del vaccino, supportando i cittadini nella compilazione della documentazione per poi stampare la prenotazione. Le farmacie riceveranno 2,90 euro a prenotazione che diventano 3,10 euro per le farmacie a "basso reddito", che sono quelle "rurali" dislocate in realtà disagiate.

Condividere