Coronavirus, in Italia 16017 casi nelle ultime 24 ore e 529 morti

Condividere

Prosegue invece a buon ritmo la campagna di vaccinazione, che ha raggiunto quota 10.018.265 dosi somministrate in totale: nelle ultime 24 ore sono state circa 250mila, nell'ultima settimana poco meno di 2 milioni. In totale i casi da inizio epidemia sono 3'584.899, i morti 109'346. Come si può leggere nella dashboard del sito governativo, i casi reali rilevati nelle ultime 24 ore sono 76. I tamponi sono 351.221, 50mila più di ieri, ma il tasso di positività sale al 6,8% (ieri era al 5,3%). Nei reparti ordinari si registra un lieve calo dei pazienti, 29.180 i degenti ospitati, 51 in meno rispetto a ieri; decremento pure nelle terapie intensive, 3.710 i ricoverati con un saldo complessivo in calo di 6 persone e 283 nuovi ingressi. Sono 5.329 i deceduti dall'inizio dell'epidemia.

Nuova crescita dei casi Covid in Italia.

Sbloccato il lotto di Astrazeneca: 22mila dosi saranno iniettate in Veneto
Il portale realizzato dalla Regione è pronto e indicativamente da giovedì 1 aprile sarà operativo a regime. OGGI INCONTRO CON DRAGHI porremo come Veneto la possibilità di acquisto dei vaccini.

Pasqua in "rosso", ma si può andare all'estero in vacanza
Chi va in Gran Bretagna deve sottoporsi ad un isolamento di 10 giorni e al rientro deve restare in isolamento per altri 14 giorni. In Italia non è invece consentito muoversi tra le regioni fino al 30 aprile se non per motivi di lavoro, salute e necessità.

Il punto sulla pandemia di Mario Draghi: "La scuola riapre"
Per questo più si alza l'età degli studenti in presenza più aumenta il rischio contagio", ha spiegato il premier. Oggi l'RT segna 1.08, la settimana passata 1.16 ed erano diverse settimane che cresceva.

Sono 3.943 i nuovi contagi in Lombardia, che conta anche cento morti, 2.904 in Sicilia, 2.317 in Veneto, 2.298 in Piemonte, 2.016 in Campania, 1.962 in Puglia, 1.800 in Lazio, 1.538 in Toscana, 1.490 in Emilia Romagna.

Le persone complessivamente guarite sono 160.617 (1.148 in più rispetto a ieri, più 0,7%): stabili rispetto a ieri le persone guarite, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 160.617 (1.148 in più rispetto a ieri, più 0,7%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Condividere