Salvini e Orbán tentano il rilancio post pandemia

Condividere

Una fase di ripartenza per l'Ue che vuole portare avanti insieme a due nuovi alleati: il premier ungherese Viktor Orban e il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki.

Il modello europeo indicato da Salvini, Orban e Morawiecki è chiaro: non bisogna occuparsi di tutto, ma bene di quello su cui la politica continentale dovrà cimentarsi, "fare poche cose e bene", ha sintetizzato il leader leghista. Non c'è alcun tema su cui siamo in disaccordo. Ci proponiamo come nucleo storico e alternativo ad una sinistra che mette in discussione le radici dell'Ue e non ci poniamo limiti e confini. "Dopo il fallimento sui vaccini e dopo il dramma del Covid noi crediamo ci possa essere un Rinascimento europeo, una risurrezione". L'obiettivo è quello di "costruire qualcosa di longevo". L'idea di Viktor Orbán di invitare a Budapest il leader della Lega, Matteo Salvini, e il premier polacco, Mateusz Morawiecki, è servita a dare all'Unione europea un segnale: le estreme destre ci sono, si stanno riorganizzando, cercano punti in comune e, ancora una volta, sono pronte a mettersi al lavoro. Tutti obiettivi che hanno irritato il Pd: "L'ex ministro dell'Interno deve motivare la sua inversione a U su Draghi", attacca Enrico Letta a Porta a Porta lanciandosi in un parallelismo calcistico: "È come se io, che sono notoriamente tifoso rossonero, andassi sotto la curva Nord a San Siro e mi mettessi la maglia nerazzurra. E l'abbiamo sempre apprezzato", avrebbe detto secondo quanto riferito dalla Lega. La nostra posizione sull'Europa è questa: ci sono milioni di cittadini senza rappresentanza politica, avendo il Ppe scelto di schierarsi facendo cooperazione con la sinistra. "Contiamo di rappresentare la maggioranza dell'Europa bella, solidale, generosa, accogliente e felice, ha detto Salvini citando la dichiarazione di indipendenza Usa, per parlare del "diritto alla felicità": "Parlarne in tempi di pandemia, di lockdown, ricoveri (.), credo che sia un dovere e un segno di speranza".

''Alterati i dati sulla pandemia'', arresti all'assessorato Salute - TGR Sicilia
L'inchiesta nasce da quanto scoperto in un laboratorio di Alcamo ( Trapani ), dove erano stati falsati decine di tamponi . Infine sono state acquisite email e dati presso i server dell'assessorato Regionale alla Salute e Dipartimento.

Sbloccato il lotto di Astrazeneca: 22mila dosi saranno iniettate in Veneto
Il portale realizzato dalla Regione è pronto e indicativamente da giovedì 1 aprile sarà operativo a regime. OGGI INCONTRO CON DRAGHI porremo come Veneto la possibilità di acquisto dei vaccini.

COVID-19 / Draghi riapre le scuole anche nelle "Zone rosse"
Sullo stop Ue all'export dei vaccini , "il criterio enunciato dalla Commissione Ue in parte modifica criterio precedente". Anche se la Regione o la Provincia si trovano in zona Rossa .

"Mi piace molto l'idea di Matteo Salvini a proposito di Rinascimento europeo. Parliamo di valori per costruire il futuro".

Condividere