AstraZeneca e trombosi, news: Gb valuta stop per under 50

Condividere

Subito dopo, AstraZeneca ha annunciato una sospensione della sperimentazione in corso per la somministrazione del suo vaccino a bambini e adolescenti, in attesa che l'ente regolatorio britannico (Mhra) verifichi il legame con casi di trombosi. E l'Ema (Agenzia europea per il farmaco) ha precisato: "La commissione della farmacovigilanza che valuta il rischio (Prac) non ha ancora raggiunto una conclusione. Terremo una conferenza stampa non appena il lavoro sarà terminato, domani (oggi, ndr) o giovedì". Parla al Messaggero Marco Cavaleri, responsabile della strategia sui vaccini di Ema: "I casi sono estremamente rari e il rapporto rischi-benefici è sempre a favore dei vaccini".

Genova. Ha avuto paura e tentennamenti, soprattutto dopo il blocco del vaccino AstraZeneca e il caso della collega di 32 anni morta dopo essere stata vaccinata, ma Claudia (nome di fantasia), un'insegnante savonese di 40 anni, ha deciso comunque di non rinunciare alla sue dose nonostante soffra di una patologia genetica ereditaria che riguarda la coagulazione del sangue e che causa una predisposizione alla trombosi. Questa settimana inizieremo a dare delle definizioni preliminari, ma difficilmente arriveremo a indicare dei limiti di età come hanno fatto vari Paesi.

In Lombardia somministrato il 77,3% dei vaccini disponibili
In questi giorni si sarebbe dovuto raggiungere l'obiettivo delle 300 mila dosi giornaliere, ma al momento il quadro è molto diverso.

Coronavirus: oggi nel Varesotto 633 nuovi contagi, in Lombardia 4.132 casi
I ricoverati negli altri reparti sono 6 .660 (-43 rispetto alle ultime ventiquattro ore). Nel Varesotto si contano 633 nuovi casi ( totale 75.503).

Capitol Hill, morto uno dei due agenti
Diversi però gli uomini dello staff presenti anche per la presenza nell'area del Capitol di un sito di vaccinazione anti Covid. Nuove cattive notizie da Capitol Hill dove due agenti sono rimasti travolti da un auto vicino alla sede del Congresso .

Sul tema è intervenuto anche il sottosegretarioitaliano alla Salute, Pierpaolo Sileri: "E' possibile, per maggiore precauzione, che l'Ema indichi che per una determinata categoria è meglio non usare il vaccino anti-Covid di AstraZeneca".

Intervistato a Sky TG24, Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Microbiologia dell'Università di Padova, spiega che i casi di trombofilia registrati dopo le vaccinazioni con AstraZeneca "sono infinitesimali" e che comunque "non esiste un vaccino sicuro per tutti al 100%", concludendo "alle donne giovani consiglierei AstraZeneca, senza dubbio". Continuano a spron battuto le vaccinazioni, nelle ultime 24 ore sono state somministrate 6.965 dosi di Pfizer e Moderna, a cui si aggiungono 1.406 dosi di AstraZeneca.

Condividere