Riaperture e meno restrizioni: il programma di Mario Draghi

Condividere

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha tenuto una conferenza stampa presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio. "La raccomandazione è usare il vaccino per coloro che hanno più di 60 anni". Quello che deve attirare l'attenzione è il rischio di decesso, che è fissato a 75 anni. Draghi ha precisato che la disponibilità di dosi permetterà di "vaccinare entro aprile tutti gli over 80 e gran parte degli over 75" e che la scelta di mettere in sicurezza prima le categorie più deboli è propedeutica anche alle riaperture. "Nei dati il crollo di fiducia in AstraZeneca si vede meno di quanto uno potesse aspettarsi -ha detto Draghi-". C'è un divario anche tra le varie regioni in Italia, con studenti che sono stati penalizzati in alcune zone per mancanza di infrastrutture.

Io voglio rivedere riaperture in sicurezza nelle prossime settimane. Quanto più celermente procedono le vaccinazioni, tanto più celermente si potrà tornare a riaprire. Franco Locatelli ha ribadito che "il vaccino AstraZeneca ha un suo ruolo preciso e può essere molto utile per coprire la fascia dei più fragili".

I giornalisti hanno insistito sul tema e Draghi ha dichiarato: "Non ho una data, ne stiamo parlando in questi giorni, dipende dall'andamento dei contagi, ma anche dall'andamento delle vaccinazioni sulle fasce a rischio".

E ancora: "La cosa importante è prepararsi alla stagione turistica, non darla per abbandonata". "Il ministro Garavaglia ha parlato di giugno, speriamo anche prima", ha insistito Draghi riguardo alle riaperture. Sono molto ottimista sull'andamento del piano vaccinale, alla luce anche della collaborazione tra Regioni e Stato. Usa criteri apparentemente diversi ma dovrà giustificare se c'è una asimmetria e noi non possiamo accettare asimmetrie ingiustificate.

Terremoto L'Aquila, messaggio del Presidente della Provincia Angelo Caruso
Anche il consueto programma delle celebrazioni ha subito variazioni, a seguito delle disposizioni governative per il contrasto del contagio.

Pasqua in zona rossa, ecco le regole da seguire
Come detto, si possono raggiungere anche fuori Regione, con l'eccezione di quelle che hanno emesso specifiche ordinanze. Per il weekend di Pasqua e Pasquetta , il 3, 4 e 5 aprile, la Sicilia sarà zona rossa (come il resto d'Italia).

Previsioni meteo 2-4/04, all'orizzonte una Pasqua di sole ma con calo termico
Ad Avellino cieli in prevalenza parzialmente nuvolosi, con nubi pomeridiane associate a deboli piogge. schiarite la sera . Pertanto non sono presenti avvisi di meteo avverso e allerta meteo .

"Ma con che coscienza ci sono persone che saltano la lista d'attesa cercando di farsi vaccinare prima, pur sapendo che in questo modo si lascia esposto a rischi chi ha più di 65 anni o qualche fragilità e, di conseguenza, un rischio concreto di morte?". Per chi è più avanti nella vaccinazione di anziani e vulnerabili, sarà più semplice riaprire.

Il passaggio dalle riaperture degli esercizi commerciali alle previsioni sulla stagione turistica estiva, nelle domande dei cronisti, è stato breve. La data del 30 aprile è la data di scadenza dell'ultimo decreto. Questo tema è anche al centro delle riaperture: se riusciamo a ridurre il rischio di morte è chiaro che si riapre con maggiore tranquillità. Il commissario prepara una direttiva alle Regioni, che dovrebbe essere pronta domani, con regole uniformi e chiare per tutte sugli obiettivi da raggiungere sul territorio nella somministrazione dei vaccini agli over 60. Continueremo a dare un messaggio rassicurante, che non viene dato a cuor leggero ma con grande serietà, partecipazione, comprensione. Io stesso mi sono vaccinato con AstraZeneca, mia moglie ha fatto lo stesso.

Importantissimo è riacquistare il "gusto del futuro": vale per la digitalizzazione ma per tante cose, dopo un anno di depressione, comportamenti e interazioni limitati.

Condividere