Roma, tensione e scontri con la polizia alla manifestazione "IoApro"

Condividere

A pochi giorni dalla protesta con i disordini davanti alla Camera, ristoratori e commercianti di 'IoApro' sono pronti a scendere di nuovo in piazza nel cuore della Capitale per chiedere di 'riaprire subito, per non morire di crisi'.

I primi gruppi di manifestanti si sono radunati in piazza San Silvestro, dove si sono registrati momenti di tensione con lancio di bottiglie, bombe carta e petardi contro le forze dell'ordine schierate in tenuta antisommossa. Un gruppo si è poi staccato dal sit-in in piazza e, passando per le vie laterali, si è diretto verso piazza del Popolo, raggiungendo via del Corso, durante il tragitto sono stati rovesciati monopattini e cassonetti e gridati slogan contro il governo. Altri manifestanti si stanno ora muovendo su via del Corso in direzione piazza del Popolo, per ricongiungersi al primo gruppo. "Pertanto al fine di non generare false informazioni circa la possibilità di accedere alla manifestazione nel numero di 20.000 persone così come annunciato sui social network e per evitare i conseguenti provvedimenti si ribadisce che la manifestazione pubblicizzata non è autorizzata". Massima l'attenzione in tutta la zona di Montecitorio e piazza Colonna.

Presidio delle forze dell'ordine in centro a Roma
Presidio delle forze dell'ordine in centro a Roma

Non intendono rinunciare a manifestare domani in piazza Montecitorio nonostante ci sia un divieto della Questura, ma assicurano che sarà una "manifestazione pacifica". "130 pullman partiranno da tutta Italia, invaderemo Montecitorio". "Utilizzate anche auto e treni per spostarvi - scrivono gli organizzatori sulla pagina Facebook di IoApro - Nessuno può fermarvi per riconquistare i vostri diritti". Circonderemo il Parlamento in maniera pacifica e li costringeremo ad uscire dal palazzo.

"Fateci passare, fateci passare" dice Mohamed 'Momi' El Hawi, 34 anni, ristoratore di Firenze, leader del movimento 'Io Apro', che si è ammanettato in piazza San Silvestro chiedendo alle forze dell'ordine di far passare i manifestanti. Controllate anche le fermate di metro, i capolinea di autobus e le aree di parcheggio.

Zona rossa e arancione, regole e colori regioni 6 aprile
Sono in zona arancione Abruzzo, Basilicata, Lazio , Liguria , Marche , Molise, Sardegna, Trentino-Alto Adige, Umbria e Veneto . Meno casi e più dosi, quindi, potrebbero portare all'adozione di misure e regole meno rigide.

Hurkacz raggiunge Sinner in finale
Jannik Sinner non riesce a vincere la finale del torneo di Miami contro Hurkacz con il polacco che si aggiudica il master 1000 . Importante balzo in avanti per quello che riguarda la classifica ATP per l'italiano che sarà numero 16 del mondo.

Vaccini: Lombardia, a over 80 dal 7 all'11 aprile dosi senza prenotare
Un fattore decisivo per una mortalità italiana molto più alta della media ( ancora 481 vittime in un giorno). Dopotutto, le dosi in arrivo ad aprile sono persino meno numerose di quelle consegnate a marzo (8 milioni).

Condividere