Open Arms, arringa Bongiorno: "Nave bighellonò 13 giorni, nessun sequestro di persona"

Condividere

L'appoggio alla sfiducia innescherebbe inevitabilmente una crisi di Governo, ma confermare uno dei ministri più contestati, almeno da una certa parte del Paese, potrebbe provocare un ulteriore calo nei sondaggi a vantaggio della stessa Meloni, in ascesa nel gradimento degli italiani. Ci vado a testa alta, anche a nome vostro.

E' cominciata con l'arringa difensiva l'udienza preliminare a carico del senatore Matteo Salvini, imputato, a Palermo, di sequestro di persona e rifiuto di atti d'ufficio per aver vietato l'approdo alla nave della ong catalana Open Arms con a bordo 147 migranti soccorsi in mare. Nel caso Gregoretti, simile a quello della Open Arms, ma istruito dalla Procura di Catania, invece, la pubblica accusa ha chiesto il non luogo a procedere, perché "il fatto non sussiste". "Speriamo che ora cambi anche la politica sui diritti umani", aggiunge. Lo ha detto all'Adnkronos l'armatore della ong spagnola Open Arms Oscar Camps, prima di lasciare l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo dopo il rinvio a giudizio di Salvini per sequestro di persona e rifiuto di atti di ufficio. Felici per tutte le persone che abbiamo tratto in salvo durante la Missione65 e in tutti questi anni.

Vaccino Covid, oltre 13 milioni di dosi somministrate: i dati aggiornati
Le 311.000 dosi, a prima lettura anomale, sono quindi più che coerentemente categorizzate nelle fasce abilitate nell'Isola. Nella piattaforma nazionale, risultano 366.908 dosi somministrate in Sicilia per la categoria "Altro".

Covid, 86 casi in provincia L'indice di contagio è al 5,1%
Nell'ultima giornata sono stati eseguiti 304.990 tamponi molecolari e antigenici, con un tasso di positività del 4,4%. Dei 934 casi in più rispetto a ieri 914 sono confermati con tampone molecolare e 20 da test rapido antigenico.

Covid, vaccinazione nelle aziende: l'Emilia-Romagna si organizza per essere pronta a partire
Il protocollo non prevede norme vincolanti e presuppone (ovviamente) l'adesione volontaria dei datori di lavoro e dei lavoratori. Poi si passerà al colloquio di routine sullo stato di salute, la tutela della riservatezza dei dati e la registrazione.

"Salvini è stato ritenuto colpevole di tutto. Grazie per tutti i messaggi che mi avete inviato, la vostra vicinanza vuol dire molto, vi voglio bene". "Ma qui è presente solo Salvini", ricordando per altro che era Toninelli e non Salvini a qualificare i salvataggi non come eventi sar, ma come immigrazione clandestina. In questo processo c'è un errore basilare, è come valutare questo processo guardando dal buco della serratura: "non si riesce a riscostruire il complesso". Tra le pagine della memoria depositata ieri invece si legge: "L'Italia non è mai stata competente secondo il diritto internazionale per l'indicazione del Pos (porto sicuro, ndr) in quanto, anche a voler escludere la possibilità di una competenza libica, lo Stato responsabile per il rilascio del Pos era la Spagna, quale Stato di bandiera della nave Open Arms, e, limitatamente al terzo episodio, Malta".

Condividere