Zona gialla, Draghi: "Il Governo ha preso un rischio calcolato"

Condividere

"Possiamo guardare al futuro con prudente ottimismo".

Il Presidente Mario Draghi e il Ministro della Salute, Roberto Speranza, hanno tenuto una conferenza stampa presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio. In primo luogo, le misure applicate nelle ultime settimane, che hanno suddiviso l'Italia in zona rossa e arancione, sospendendo la zona gialla hanno prodotto dei risultati, l'RT è a 0.85 a livello nazionale, l'incidenza è scesa a 182, la maggior parte delle regioni ha una tendenza verso un miglioramento. "In zona rossa ci sono modalità per suddividere tra didattica in presenza e didattica a distanza", dice il presidente del Consiglio. Mario Draghi ha annunciato un graduale ritorno alla normalità nelle regioni che avranno numeri da zona gialla. Si dà la precedenza alle attività all'aperto e alle scuole.

Nell'annunciare le riaperture, il premier Draghi è tornato anche sulle accuse rivolte dalla Lega al ministro della Salute: "Le critiche al ministro Speranza dovevano trovare pace fin dall'inizio perché non erano né fondate né giustificate: ho già detto - mi secca doverlo dire in sua presenza - che lo stimo e l'ho voluto io nel governo". "I provvedimenti di questa mattina danno priorità alla riapertura in zona gialla dal 26 aprile delle attività di ristorazione all'aperto e delle scuole in zona arancione e gialla". "Il coprifuoco al momento è confermato alle 22". "La stagione che si apre con il vaccino è una stagione molto diversa, poi dovremo analizzare molti dati, in termini di varianti, e anche di risposta da parte del Paese, un punto, quest'ultimo, su cui l'evidenza scientifica dovrà darci una mano". "In questo modo, il rischio si traduce in una opportunità straordinaria non solo per l'economia ma anche per la nostra vita sociale".

Veneto pronto a riaprire prima: bar, ristoranti ma pure cinema e teatri
Il primo step per la riapertura sarà, inevitabilmente, legato al ritorno delle zone gialle . Il calendario riaperture da maggio inizia a prendere forma.

Covid in Sicilia,1.384 i nuovi positivi. 10 morti
Sono 1.384 i nuovi positivi al Covid19 in Sicilia su 27.618 tamponi processati, con una incidenza del 5%. Il tasso di positività è del 4 ,4%, in calo di 0,7 punti rispetto a ieri quando era stato del 5,1%.

Sardegna in zona rossa: Indice più alto d´Italia
L'ordinanza, che sarà firmata in serata dal ministro della Salute Roberto Speranza, entrerà in vigore lunedì 12 aprile. Tra queste, due Regioni ( Sardegna e Valle d'Aosta) hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 3 .

La decisione rappresenta "un rischio ragionato, un rischio fondato sui dati che sono in miglioramento", ha spiegato il capo del governo, "questo rischio che incontra le aspettative dei cittadini si fonda su una premessa: che i comportamenti siano osservati scrupolosamente, come mascherine e distanziamenti, nelle realtà riaperte", ha sottolineato. Nei luoghi all'aperto è più difficile la trasmissione del virus.

"Il Pnrr è fatto di 191,5 miliardi circa, di cui 69 a fondo perduto, 122 prestiti, più 30 del fondo di accompagnamento al Pnrr".

Comunque "dobbiamo continuare a osservare rigorosamente i comportamenti corretti", e sulla ripresa, sostiene Draghi, "facciamo una scommessa sul debito buono". Questo principio ci accompagnerà in questa fase di transizione, nell'auspicio che col passare delle settimane il quadro epidemiologico possa restare positivo e possa aumentare il numero delle persone vaccinate. Per l'esperto economista i fattori che potrebbero essere fondamentali alla buona riuscita dell'operazione sono legati alla semplificazione delle norme che regolano gli investimenti e che siano effettuati senza ritardi o rallentamenti.

Condividere