Aggressione a Colleferro: due ragazzi fermati dalla Polizia

Condividere

Nella cittadina dell'hinterland romano l'episodio ha ridestato il dramma già vissuto con la morte di Willy, quando quel ragazzo di 21 anni, di origine Capoverdiana, fu picchiato a morte nel settembre del 2020.

I due giovani, di 18 e 19 anni, sono sospettati dell'aggressione avvenuta nello stesso paese in provincia di Roma dove l'estate scorsa fu picchiato a morte Willy Monteiro Duarte. Subito dopo gli aggressori sono fuggiti ed il 17enne è stato soccorso dal 118 e trasportato all'ospedale di Colleferro.

Stando alla ricostruzione degli investigatori del commissariato Colleferro, diretto da Francesco Mainardi, poco dopo le 17 di ieri, in corso Turati all'angolo con piazza delle Repubblica, un gruppetto di adolescenti di Segni sono stati avvicinati da 2 coetanei di Colleferro; da ciò, per motivi che sono ancora oggetto di indagine, è scaturita un'aggressione ai danni di un 17enne. Si erano già cambiati i vestiti, sembrerebbe che uno di loro avesse già messo in lavatrice una maglietta.

Open arms: Gava, 'popolo Lega e cittadini onesti sono con Salvini'
Così il leader della Lega, Matteo Salvini , in un video registrato sulla riva del mare palermitano e postato sui social. Felici per tutte le persone che abbiamo tratto in salvo durante la #Missione65 e in tutti questi anni.

Open Arms, arringa Bongiorno: "Nave bighellonò 13 giorni, nessun sequestro di persona"
Felici per tutte le persone che abbiamo tratto in salvo durante la Missione65 e in tutti questi anni. " Salvini è stato ritenuto colpevole di tutto .

Arrivate nell'Isola 43.290 dosi del vaccino Pfizer
Attese anche 4.600 vaccini AstraZeneca, la cui consegna, prevista per il 12 aprile, era slittata. Una boccata di ossigeno per il prosieguo della campagna vaccinale.

Sono stati arrestati, intanto, dalla polizia con l'accusa di lesioni gravissime i due giovani fermati ieri sera perché sospettati del pestaggio. I due sarebbero scappati dopo che il 17enne, sbattendo la testa contro un'auto in sosta, ha perso i sensi per alcuni minuti. Ora è ricoverato in prognosi riservata all'ospedale San Giovanni, nella Capitale. "Non avrei mai pensato di riprovare certe sensazioni, di risentire un nodo alla gola così stretto". Avrei voluto stringerlo ma non era possibile: ho cercato di fargli capire che eravamo tutti con lui e che "tutti" significa comunità - ha proseguito Sanna aggiungendo che - Non so se il Covid ha peggiorato o meno la situazione ma ripeto che quanto è accaduto non si può accettare. Immediato è stato l'intervento dei vigili urbani e della Polizia di Stato. Se fossero scappati sparendo, i responsabili avrebbero macchiato ancor di più l'onore della nostra Colleferro. Lo si apprende da fonti di polizia.

Il ragazzo non sarebbe in pericolo di vita secondo le ultime notizie. "Basta violenze! Un plauso va alle Forze dell'ordine, alla polizia Locale e alla Procura di Velletri per aver prontamente individuato i responsabili dell'aggressione".

Condividere