Autostrada A1, sit-in dei ristoratori: investito un manifestante

Condividere

Leader della protesta di Tni Italia è Pasquale Naccari, del ristorante Il Vecchio e Il Mare di via Gioberti a Firenze. Il ristoratore ferito è stato portato in ambulanza al pronto soccorso ma le sue condizioni non sono gravi.

I ristoratori toscani continuano a protestare e da questa mattina stanno bloccando l'autostrada A1 tra Incisa e Valdarno in direzione Roma. Il conducente è stato poi condotto in caserma a Firenze Nord. L'automobilista fermato dalla polizia stradale vicino al casello di Barberino del Mugello è stato denunciato per il reato di lesioni volontarie.

Nuova protesta dei ristoratori contro le riaperture dei locali solo all'aperto. Attualmente, all'interno dei tratti chiusi, il traffico è bloccato e si registrano lunghe code verso Firenze e anche verso Roma. Bloccata quindi in giornata l'autostrada A1, fra Incisa e Valdarno. "Sul posto sono presenti il personale di Autostrade per l'Italia e la Polizia Stradale".

Open arms: Gava, 'popolo Lega e cittadini onesti sono con Salvini'
Così il leader della Lega, Matteo Salvini , in un video registrato sulla riva del mare palermitano e postato sui social. Felici per tutte le persone che abbiamo tratto in salvo durante la #Missione65 e in tutti questi anni.

Toscana verso la zona arancione da martedì, ma gli ospedali restano pieni
Ora non resta che attendere l'ordinanza per il cambio di fascia del ministro della Salute Roberto Speranza . Vuol dire riapertura dei negozi, dei parrucchieri e dei centri estetici.

Zona rossa e arancione, nuovi colori regioni: ecco quali potrebbero cambiare
Con 1.153 nuovi contagi in un giorno (i dati sono quelli di oggi 8 marzo), la Toscana si sveglia con un piede in zona arancione . Insomma, se così fosse in molte regioni si potrebbero riaprire negozi, parrucchieri e centri estetici.

Alle 14.20 il corteo di manifestanti si è allontanato con la carovana in protesta. "Non è vero che siamo evasori, perché noi siamo la dorsale dell'Italia". "Vogliamo riaprire, sia dentro che fuori - chiedono i ristoratori, per voce di Pasquale Naccari, che ha documentato con dirette facebook quanto stava accadendo - chiediamo che ci facciano riaprire dal 25 aprile, non solo negli spazi esterni, sia a pranzo che a cena, senza coprifuoco e senza distanziamento di due metri. Vogliono lavorare e non all'esterno, costretti a subire il freddo".

La protesta è andata avanti con anche dei ristoratori che hanno attrezzato un tavolo apparecchiato fingendo un pasto in mezzo all'autostrada.

Condividere