Navalny grave, trasferito in ospedale Lo staff: "Solo una mossa strategica"

Condividere

Non parliamo più della libertà di Navalny, ma della sua vita. Lo rendono noto le autorità regionali assicurando che le sue condizioni di salute "sono soddisfacenti" e che gli è stata prescritta una terapia a base di vitamine. "Nelle sue condizioni, è una questione di giorni", ha affermato Yarmish in un dolorosissimo intervento su Twitter.

Il blogger e oppositore di Vladimir Putin è in carcere da inizio febbraio e da quasi venti giorni non si nutre per protestare contro la mancanza di cure mediche adeguate.

Anche l'Unione europea fa sentire la sua voce, chiedendo il rilascio immediato e incondizionato di Navalny. "Consentite a un medico di fare una visita al mio papà", ha scritto la 20enne Daria Navlnaya su twitter dopo il terribile annuncio arrivato nelle scorse ore dalla portavoce di Navalny secondo cui le condizioni fisiche dell'uomo si sarebbero aggravate al tal punto da essere a un passo dalla morte. Il trasferimento di Navalny è quindi "l'ammissione da parte del torturatore" delle sue reali condizioni di salute, aggiunge.

"Bene la richiesta dell'Unione Europea per l'immediata liberazione di Aleksey Navalny".

Open arms: Gava, 'popolo Lega e cittadini onesti sono con Salvini'
Così il leader della Lega, Matteo Salvini , in un video registrato sulla riva del mare palermitano e postato sui social. Felici per tutte le persone che abbiamo tratto in salvo durante la #Missione65 e in tutti questi anni.

Covid in Sicilia,1.384 i nuovi positivi. 10 morti
Sono 1.384 i nuovi positivi al Covid19 in Sicilia su 27.618 tamponi processati, con una incidenza del 5%. Il tasso di positività è del 4 ,4%, in calo di 0,7 punti rispetto a ieri quando era stato del 5,1%.

Sardegna in zona rossa: Indice più alto d´Italia
L'ordinanza, che sarà firmata in serata dal ministro della Salute Roberto Speranza, entrerà in vigore lunedì 12 aprile. Tra queste, due Regioni ( Sardegna e Valle d'Aosta) hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 3 .

I medici vicini a Navalny hanno chiesto di vederlo immediatamente, temendo un arresto cardiaco "da un momento all'altro". Navalny è prigioniero in una colonia penale da ormai due mesi e dal 31 marzo ha iniziato lo sciopero della fame. Nelle prossime ore, inoltre, è in programma un'esercitazione che vede impegnato uno squadrone della flotta del Caspio con 15 unità navali militari e diversi mezzi aerei. "Ma tutti insieme possiamo cambiare le cose", ha scritto su Facebook.

La battaglia di Alexei Navalny viene portata avanti dai suoi collaboratori che hanno invitato i russi a scendere in piazza mercoledì prossimo, 21 aprile, per chiedere che riceva le cure necessarie a salvargli la vita.

Nel frattempo 70 artisti e intellettuali, tra cui la scrittrice Svetlana Alexievitch vincitrice del premio Nobel per la letteratura nel 2015, hanno firmato una petizione indirizzata al presidente russo Vladimir Putin per fornire cure mediche a Navalny.

Condividere