Zona gialla "rafforzata" dal 26 aprile: le regole

Condividere

I dati che saranno presi in considerazione per stabilire quali Regioni sono in fascia gialla saranno quelli del monitoraggio del 23 aprile e le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza entreranno in vigore il 26 aprile.

Stando agli ultimi dati, Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Umbria, Veneto e le province di Trento e Bolzano puntano alla zona gialla, considerando che hanno un Rt nel valore inferiore sotto l'1 e un rischio basso o moderato, compatibile con uno '"scenario 1". Oscilla tra arancione e rosso la Campania, che aveva un Rt intorno a 1 ed è cresciuta ulteriormente questa settimana (+8% di casi positivi) arrivando a un'incidenza di 235 casi per centomila.

Dal 26 aprile riprendono le lezioni in presenza al 100% "per tutti gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado", come precisato dal Presidente del Consiglio. Resta attiva la possibilità di asporto e di consegna a domicilio. Vietato sostare all'esterno dei locali dopo la chiusura.

Per i tavoli al chiuso il via libera per la riapertura dovrebbe arrivare dal 1 giugno.

Lombardia zona arancione, Fontana: "Zona gialla possibile"
Resta però il nodo del coprifuoco , che per il momento rimane fissato alle 22 senza alcuna proroga da parte dell'Esecutivo. Da lunedì quindi via libera al servizio al tavolo dei clienti di bar e ristoranti, anche a cena.

Covid, 958 nuovi positivi - Salute - TGR Toscana
Ieri i nuovi casi registrati in Toscana sono stati 1.150 su 26.865 test di cui 15.612 tamponi molecolari e 11.253 test rapidi. Altri 24.270 positivi sono in isolamento a casa con sintomi o senza sintomi (-285 su ieri , pari al -1,2%).

Formigoni: il Senato ripristina il vitalizio per il lombardo
A deciderlo la commissione contenziosa del Senato , presieduta da Giacomo Caliendo ( Forza Italia ). Insomma un altro flop della delibera Grasso , provvedimento severo per chi ha ricevuto condanne.

Nella fascia gialla rafforzata potranno riaprire anche cinema e teatri.

Riapriranno in zona gialla rafforzata con una capienza fissata al 50% di quella totale e ad ogni modo non superiore a 500 persone. All'aperto il numero massimo di spettatori possibili è invece pari a 1.000 persone. Distanza obbligatoria di 1 metro e mascherina Ffp2.

Come nel caso di cinema e teatri, nelle zone gialle rafforzate torneranno a riaprire anche musei e mostre. Per eventi speciali sarà necessario un pass che certifichi di essere stati vaccinati, o guariti dal Covid, o di essere risultati negativi al tampone, da effettuarsi nelle 48 ore precedenti all'evento. Gli accessi saranno contingentati, anche mediante la prenotazione online per l'accesso ai siti di interesse artistico culturale.

Per quanto riguarda le palestre, invece, le riaperture dovrebbero coincidere con il mese di giugno, mentre per le piscine l'indicazione è quella che riguarda metà maggio. Sarà limitato il tempo di permanenza nelle sale e sarà obbligatorio mantenere il distanziamento interpersonale di almeno un metro, nonché l'obbligo di indossare la mascherina Ffp2. Ma tutti questi aspetti verranno poi chiariti con il decreto di maggio.

Condividere