Covid: Zaia, variante indiana individuata anche in Veneto - Salute & Benessere

Condividere

Il Veneto preme sull'acceleratore, in arrivo un quantitativo considerevole di vaccini, oltre il 50% degli over 70 sono stati vaccinati, Luca Zaia ha annunciato l'apertura delle prenotazioni anche per gli over 60. Intanto la variante è arrivata in Veneto e a darne l'annuncio è stato il presidente della regione Luca Zaia. Si tratta di due persone, padre e figlia, rientrati nel nostro Paese dall'India.

Sul fronte riaperture e scuola, infine, "in Veneto oggi siamo passati dal 50 al 70% in presenza per le superiori". La nuova variante sembrerebbe colpire principalmente i giovani, e pare che possa resistere ai vaccini, proprio per questo motivo l'attenzione è massima. Di sicuro piace poco perché ha due mutazioni nella proteina Spike, che rendono più facile l'inserimento all'interno dell'organismo, ma sono informazioni poco sufficienti per capire se realmente sia più pericolosa. "Affrontiamo giorno dopo giorno questi aspetti, e andiamo avanti". L'orario potrebbe slittare di qualche ora, come è già successo in passato, ma comunque si potrà effettuare la prenotazione già dal pomeriggio di lunedì 26 aprile. "Stiamo gestendo la questione senza allarmismi, la variante c'è, ci è stata comunicata, vogliamo farlo senza ansia".

Zona gialla "rafforzata" dal 26 aprile: le regole
Riapriranno in zona gialla rafforzata con una capienza fissata al 50% di quella totale e ad ogni modo non superiore a 500 persone. Gli accessi saranno contingentati, anche mediante la prenotazione online per l'accesso ai siti di interesse artistico culturale.

Funerali principe Filippo, diretta Tv e streaming: dove seguirli dall’Italia
Venerdì ha fatto una lunga passeggiata con i suoi corgi e ha guidato la Jaguar nel suo castello . Il feretro dall'ingresso del castello di Windsor è poi arrivato alla cappella di St.

Covid Lombardia, oggi 2.431 contagi e 87 morti: dati 16 aprile
Sono 2.431 i nuovi contagi di Coronavirus in Lombardia secondo i dati del bollettino di oggi, 16 aprile. Oggi nel Milanese si sono registrati 341 casi di Covid-19, di cui 136 a Milano città.

A questi due casi se ne aggiungono altri due sospettati che non risiedono a Bassano, al momento continuano ad essere in corso le valutazioni. Alcuni anziani non hanno dimestichezza con le nuove tecnologie, e l'accesso al portale realizzato da Azienda Zero in alcuni casi è difficoltoso per chi non ha parenti. Si tratta di studenti sbarcati all'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi lo scorso 12 aprile.

Condividere