Zona gialla per quasi tutta Italia: oggi i nuovi colori delle regioni

Condividere

In miglioramento anche i dati della Calabria, che ha Rt e incidenza sotto il limite ma resta l'incognita del rischio complessivo alto a causa dell'occupazione dei reparti di area medica e in terapia intensiva. In base all'andamento dell'epidemia nelle regioni, il ministro Speranza firmerà l'ordinanza con le nuove zone gialle, arancioni e rosse in vigore da lunedì 10 maggio. Vediamo nel dettaglio, cominciando dalle Regioni che sperano nella "promozione".

Sono 15 le regioni collocate in zona gialla, 5 in zona arancione e una sola in zona rossa, la Valle d'Aosta. Per tutte le altre Regioni già in zona gialla ci dovrebbe essere una conferma, nonostante qualche lieve peggioramento dell'indice Rt, come avviene per esempio nel Lazio (ora a 0,9) o nel Veneto, dove il valore è quasi al limite, a 0,95; per questa settimana dovrebbe comunque restare in giallo. La Valle d'Aosta, invece, era entrata in zona rossa una settimana fa a causa di un'incidenza superiore al valore soglia di 250 casi ogni 100mila abitanti, ma ora è tornata al di sotto di questo limite (intorno ai 200). Grande preoccupazione anche in Veneto, che ad oggi registra un Rt di 0,95, ad un passo dalla fascia arancione. "È un dato che ci preoccupa e ci deve preoccupare".

La Sardegna ha buoni dati ma potrebbe non ottenere il passaggio di fascia.

Читайте также: Beppe Grillo, mio figlio non ha fatto niente, arrestate me - Ultima Ora

Nuovi colori regioni: Puglia in zona gialla, Campania arancione?

Si formula infine indirizzo ai direttori sanitari delle Rsa e agli altri soggetti competenti "di consentire l'accesso alle strutture, nel rispetto delle misure di sicurezza fondamentali (obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, frequente igienizzazione delle mani e degli oggetti) ai visitatori che comprovino, attraverso esibizione di certificazione-smart card, di aver completato la vaccinazione, secondo quanto prescritto dalle indicazioni del Ministero della Salute", e "di adottare ogni ulteriore misura organizzativa idonea a favorire nella massima sicurezza possibile gli accessi di familiari e visitatori e le uscite programmate degli ospiti, tenendo conto del possesso della certificazione vaccinale-smart card". "Rimanere in arancione sarebbe paradossale". I decessi sono stati 258, nove in meno del giorno precedente. Eppure sono in aumento i nuovi casi nelle fasce 3-5 e 6-10 anni, "verosimile conseguenza della ripresa delle attività scolastiche in presenza e della maggiore contagiosità della variante inglese".

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2021 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Condividere