Coprifuoco alle 23 e riaperture: il cronoprogramma

Condividere

"Presumibilmente, il decreto sarà già domani in Gazzetta Ufficiale" ha annunciato il capodelegazione M5S Stefano Patuanelli al termine del Consiglio dei ministri.

Dal 15 maggio ci sarà una novità importante anche per i turisti: chi arriva dai Paesi Ue, dal Regno Unito o da Israele non dovrà più sottoporsi a 5 giorni di quarantena, come avviene ora.

Il decreto legge che introduce le misure urgenti relative all'emergenza epidemiologica da Covid 19 sposta l'orario del coprifuoco. Proposto inoltre un ulteriore allentamento: dal 7 giugno il coprifuoco potrebbe essere spostato alle 24, per poi sparire definitivamente, sempre se i dati dei contagi lo permetteranno, dal prossimo 21 giugno. Ma di tornare a ballare, per il momento, non se ne parla: le discoteche rimarranno chiuse, unico settore che non ha una data per ripartire. Nei bar si potrà consumare di nuovo al bancone (al chiuso).

La presenza di pubblico è autorizzata per tutti gli eventi e competizioni sportive dal 1° giugno all'aperto, e dal 1° luglio al chiuso, nei limiti gia' fissati (capienza non superiore al 25 per cento di quella massima e comunque non superiore a mille persone all'aperto e 500 al chiuso), e non più limitatamente alle competizioni di interesse nazionale.

Coronavirus, il bollettino nazionale: 9.116 nuovi contagiati e 305 decessi
Difatti, a fronte di 315.506 tamponi processati, sono risultati positivi al Covid 9.116 italiani (ieri ne erano 5.948). Sono 305 i decessi da Coronavirus segnalati in Italia nelle ultime 24 ore.

Messico, crolla ponte della metro
In alcuni video diffusi sul web, si vede il crollo del ponte mentre in alti le operazioni di soccorso al momento in atto. La Protezione civile di Città del Messico ha fatto sapere che ci sono 35 persone che sono state portate in ospedale.

Intesa sul coprifuoco, sarà rivisto a metà maggio
E' il testo della riformulazione di un ordine del giorno sulle aperture, condivisa dalla maggioranza alla Camera. Lo riferiscono fonti del centrodestra di Governo .

Dal 15 giugno potranno riprendere anche feste e ricevimenti di matrimoni, battesimi, lauree. Il numero degli invitati per gli eventi all'aperto e al chiuso dovrà essere stabilito dal Comitato tecnico scientifico e tutti i partecipanti dovranno avere il 'green pass', vale a dire o il certificato di vaccinazione, o quello di avvenuta guarigione o un tampone negativo fatto nelle 48 ore precedenti.

Dal 1° luglio sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò potranno riaprire al pubblico; parchi tematici e di divertimento potranno riaprire al pubblico dal 15 giugno, anziché dal 1° luglio. "È un disastro" dice il presidente della Federnuoto Paolo Barelli che attacca a testa bassa il governo: "si sono dimostrati dei pavidi, manderanno a gambe all'aria qualche migliaio di società". Il governo sta inoltre valutando la possibilità di estenderne la validità a 9 mesi dai sei attuali. Ancora sospesa, invece, l'attività delle sale da ballo, discoteche e simili, all'aperto e al chiuso.

Ebbene, la data scelta per la ripartenza è quella del 15 giugno, ma potranno partecipare al ricevimento solo coloro che sono in possesso del green pass. Ci sono centinaia di famiglie che non sanno più come portare a casa la pagnotta.

Condividere