E' morto Franco Battiato, il cantautore aveva 76 anni

Condividere

Franco Battiato è morto a 76 anni, martedì 18 maggio, nella sua casa di Milo. Lo rende noto la famiglia. I funerali avverranno in forma privata. Cantautore, compositore, musicista, regista e pittore italiano, Battiato era nato il 23 marzo del 1945 a Riposto, Catania. E poi la musica etnica, quella elettronica e l'opera lirica. E' stato, infatti, assessore al turismo della Regione Siciliana nella giunta di centrosinistra del presidente Rosario Crocetta.

La Sicilia ha sempre occupato un posto speciale per Franco Battiato. In quegli anni capitava che il pubblico reagisse in modo a dir poco vivace alle sue performance volutamente ai limiti dell'inascoltabile. È la notizia che rende triste un intero Paese che si era emozionato grande alla straordinaria vena artistica di uno dei su cantautori più illustri.

Cabina di regia lunedì 17 maggio: si decide su coprifuoco e riaperture
Ma la Cabina di regia potrebbe dare l'ok anche alla riapertura anticipata a maggio dei ristoranti al chiuso . Tra il 5 e il 20 giugno chiudono le scuo le, che nella maggior parte delle regioni si fermano l'8 giugno.

Covid, Usa a favore della revoca dei brevetti sui vaccini
Fa rumore la decisione degli Stati Uniti di sospendere i brevetti dei vaccini anti-Covid. "Questa pandemia ci ha insegnato che si vince solo insieme".

Pass per viaggiare in Italia: c’è la data, ecco quando arriverà
L'Italia ora è decisa a muoversi e lo farà in tempi più brevi rispetto all'UE, come ha sottolineato Mario Draghi dopo il G20. Infatti sarà sufficiente essere vaccinati , oppure essere guariti dal Covid o negativi al test per il coronavirus .

La carriera di Battiato ha attraversato un lungo arco temporale (le prime pubblicazioni risalgono alla metà degli anni Sessanta) e ha toccato numerosi stili musicali: dal pop all'avanguardia, dal rock alle sperimentazioni. Però la lista delle sue collaborazioni va da Claudio Baglioni ai CSI, da Enzo Avitabile a Pino Daniele, dai Bluvertigo a Tiziano Ferro, Celentano, Subsonica, Marta sui Tubi, senza contare il decisivo ruolo svolto nelle carriere di Alice e Giuni Russo.

Non si sono fatte attendere le reazioni. "Ci la lasciato un Maestro". La musica italiana perde oggi uno dei suoi più grandi rappresentanti. Unico, inimitabile sempre alla ricerca di espressioni artistiche nuove. "Lascia una eredità perenne". Così il ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Condividere