Vaccini ai 12-15enni, Speranza "Il 28 maggio l'ok di Ema a Pfizer"

Condividere

"Per il momento solo Pfizer è previsto a partire dall'età di 16 anni, gli altri vaccini dai 18". "Il nostro auspicio e le informazioni di cui siamo in possesso - ha spiegato il ministro - ci portano a ritenere che il 28 maggio l'Ema darà l'ok al vaccino Pfizer anche per la fascia 12-15 anni". Lo ha fatto sapere il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante il question time oggi alla Camera in merito alla somministrazione del vaccino Pfizer a ragazze e ragazzi della fascia d'età 12-15 anni. "Questo sarebbe un fatto molto importante che ci consentirebbe, come già avvenuto negli Usa, di allargare ad altre fasce di età la nostra campagna di vaccinazione".

"Ringrazio gli interroganti per aver posto all'attenzione dell'Aula un tema che è di particolare attenzione e molto delicato, ovvero l'estensione delle vaccinazioni e della campagna di vaccinazione alle fasce più giovani".

Denise Pipitone, la certezza dell'ex PM Angioni: "Coinvolte due famiglie"
Un appuntamento decisamente da non perdere quello con Chi l'ha visto in programma questo mercoledì sera su Rai 3 . Vicino al luogo in cui era scomparsa c'erano più persone che appartenevano alla cerchia della famiglia allargata.

Coprifuoco alle 23 e riaperture: il cronoprogramma
Ancora sospesa, invece, l'attività delle sale da ballo, discoteche e simili, all'aperto e al chiuso . Il governo sta inoltre valutando la possibilità di estenderne la validità a 9 mesi dai sei attuali.

Cabina di regia lunedì 17 maggio: si decide su coprifuoco e riaperture
Ma la Cabina di regia potrebbe dare l'ok anche alla riapertura anticipata a maggio dei ristoranti al chiuso . Tra il 5 e il 20 giugno chiudono le scuo le, che nella maggior parte delle regioni si fermano l'8 giugno.

"Ad oggi quasi un terzo degli italiani ha avuto una prima dose somministrata e questo è un dato importante, positivo e incoraggiante".

Come è altresì noto, nel nostro piano abbiamo protetto, in primis, le fasce più deboli, i fragili, gli anziani, ovvero le persone che incontrando il virus potevano avere un rischio più alto. Avremo circa 20 milioni di dosi a disposizione nel mese di giugno e questo ci consentirà di estendere ad altre generazioni. Ci sono altri studi in corso "per fasce generazionali ancora più giovani", ha aggiunto Speranza, ma che ancora non hanno raggiunto la fase finale. La vaccinazione per fasce più giovani è strategica, ed è essenziale in vista del riavvio del prossimo anno scolastico. Oggi si pone con grande attualità la necessità di andare alle altre generazioni. "Attendiamo che Ema ci permetta di costruire una comunicazione che renda consapevole la popolazione".

Condividere