Draghi,Italia favorevole a sospensione temporanea brevetti

Condividere

Non vi è dubbio, infatti, che il vertice nasca dalle istanze conseguenti alla crisi pandemica sanitaria, ma sarebbe ben poca cosa se si limitasse solo ad affrontare e risolvere la crisi e non ponesse le basi per un sistema sanitario mondiale equo e sostenibile.

Per i leader del G20 e i leader, i capi di organizzazioni internazionali e regionali e i rappresentanti degli organismi sanitari mondiali invitati il vertice è un'opportunità per condividere gli insegnamenti tratti dalla pandemia di COVID-19 ed elaborare e approvare una "dichiarazione di Roma" che formulerà una serie di principi. "Dobbiamo guardare attraverso paesi e discipline diverse se vogliamo capire cosa è andato storto durante questa pandemia e cosa possiamo fare meglio in futuro". "Noi, in Europa, stiamo iniziando a vedere la fine di questa tragedia". "Purtroppo, molti Paesi non possono permettersi di pagare questi vaccini - ha spiegato Draghi -".

"Oggi sono molto lieto di annunciare che, questa settimana, intendiamo aumentare in modo significativo questo contributo e incrementarlo almeno di 300 milioni di euro".

Читайте также: Covid Lazio, bollettino di oggi 13 maggio: 654 nuovi casi, 21 morti

"Vorrei ringraziare il gruppo di esperti scientifici, e in particolare i co-presidenti organizzatori, il professor Silvio Brusaferro e il professor Peter Piot: la vostra relazione ha fornito una guida essenziale per le nostre deliberazioni e, in particolare, per la Dichiarazione di Roma che presenteremo oggi". Inoltre, è stato detto che i produttori di farmaci tra cui Pfizer e BioNTech annunceranno grandi forniture di vaccini Covid-19 a costo zero alle nazioni povere per cercare di correggere lo squilibrio globale. "Non ci dev'essere nessun tabù", afferma il capo dell'Eliseo. Per quanto riguarda la produzione di vaccini, "le licenze volontarie sono il miglior modo per assicurare il necessario trasferimento di tecnologie e know-how insieme ai diritti di proprietà intellettuale".

Un assist di rilievo quello della Francia. Nel corso della giornata ci sono stati momenti particolarmente bassi - come l'Unione europea che promette di donare 100 milioni di dosi di vaccino, quando ci sono 7,5 miliardi di persone ancora da vaccinare - ma anche rilevanti prese di posizione, come quella di Draghi, che si è allineato con gli Stati Uniti nel chiedere la sospensione dei brevetti per i vaccini. "Dobbiamo sostenerli finanziariamente e con competenze specializzate".

"L'Italia - prosegue il primo ministro - accoglie con favore l'iniziativa della Commissione Europea volta a produrre vaccini e prodotti sanitari nei Paesi a basso e medio reddito". Angela Merkel, dal canto suo, non si pronuncia sui brevetti ma concorda sulla necessità "di espandere la capacità di produzione" dei vaccini. I lavori si chiuderanno con l'approvazione di una 'Dichiarazione di Roma'. "Credo", dice la cancelliera tedesca, "che sarà una pietra miliare".

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2021 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Condividere