Arrestato il boss Morabito: era tra i 10 criminali più ricercati

Condividere

Rilevante, sottolineano gli investigatori, è stato il contributo informativo delle autorità uruguaiane: Morabito era infatti evaso nel 2019 dal carcere di Montevideo, nel quale era ristretto dal 2017, quando fu arrestato dai carabinieri e dalla polizia uruguaiana a Punta del Este dopo 23 anni di latitanza. Nel nostro Paese il superlatitante deve scontare una pena definitiva a 30 anni di reclusione con le accuse di associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti ed altri gravi reati.

Nel dettaglio, in ordine di importanza, era il numero 2 della lista dopo Matteo Messina Denaro. Ad agire, insieme al Ros, i carabinieri del gruppo di Locri (Reggio Calabria) e dei comandi provinciali di Reggio Calabria e Torino e gli uomini del servizio centrale di cooperazione di polizia - progetto Ican, della polizia federale brasiliana. Si disse che allora Rocco Morabito, africese di origine e parente del più notoboss calabrese Giuseppe Morabito " U tiraddrittu" comprò l'aiuto di guardie carcerarie pagando oltre 50 mila euro, soldi forniti da calabresi della Piana che vivevano in Uruguay. Nel 2019 era riuscito a fuggire dal carcere di Montevideo, in Uruguay, mentre era in attesa dell'estradizione in Italia.

Stresa, precipita la cabina di una funivia
L'impianto collega il Piazzale Lido di Stresa alla vetta della montagna che divide il Lago Maggiore da quello di Orta. Non è chiaro quanti passeggeri ci fossero a bordo, la capacità di trasporto è di 40 persone per cabina .

Denise Pipitone, trovata un'auto bruciata: potrebbe essere quella del rapimento
Ha confermato che le tre persone indicate su quell'auto facevano già parte delle indagini ed erano già state sentite all'epoca. Ogni volta si riapre una ferita che è sempre fresca, non riesce a rimarginarsi perché non vuole rimarginarsi.

Draghi,Italia favorevole a sospensione temporanea brevetti
Angela Merkel , dal canto suo, non si pronuncia sui brevetti ma concorda sulla necessità "di espandere la capacità di produzione" dei vaccini .

Con Morabito è stato arrestato anche Vincenzo Pasquino, latitante originario di Torino, anche lui inserito nell'eleno dei latitanti pericolosi. Un anno dopo, in Argentina la polizia ha arrestato un uomo, Ferdinando Sarago esponente della 'ndrangheta. Rocco Morabito del resto si muoveva molto bene in Sud America dove aveva molti appoggi, non a caso è considerato il re del traffico di cocaina verso l'Italia già negli anni '90. Da subito le indagini dell'Interpol avevano seguito la pista che portava in Brasile. Rocco Morabito è stato catturato in un'abitazione di Joao Pessoa, capitale dello stato brasiliano di Paraiba. E non si esclude che proprio in quella zona estremamente confinata Morabito possa ver sviluppato relazioni che lo possano aver aiutato nella sua latitanza.

Condividere