Green pass: ecco le regole della Commissione Ue

Condividere

Infatti, la certificazione verde serve per viaggiare all'estero, sempre verificando e attenendosi alle regole anti-Covid del paese di destinazioni, ma anche per poter partecipare a certi eventi come feste e banchetti di vario genere.

Per i vaccinati, la proposta della Commissione di Bruxelles è di far partire la validità del pass dopo 14 giorni dalla seconda dose del vaccino AstraZeneca, Pfizer/BioNTech e Moderna (o unica dose per Janssen), con un orizzonte temporale di un anno.

È questo uno dei punti principali contenuti nella proposta della Commissione Ue riguardante la raccomandazione sul coordinamento delle restrizioni previste nell'ambito della libera circolazione all'interno dell'Unione stessa, che è stata presentata oggi dal commissario europeo Didier Reynders. Una di queste è senza dubbio il Green pass: questo andrà esibito ( anche in zona bianca) per partecipare ad alcune attività. Sempre da domani, la Commissione Europea renderà pienamente operativo il Gateway, la piattaforma che consentirà al certificato Ue di funzionare attraverso i confini. Per i guariti dall'infezione, inoltre, il pass, valido dalla guarigione, dovrebbe restare in vigore per 180 giorni a partire dal test molecolare positivo. "L'importante è che siano chiare le regole e semplici". Non a caso, i dati degli ultimi giorni si dimostrano essere i più bassi dallo scorso ottobre, a partire da quando il numero dei contagi è sempre salito o si è mantenuto stabilmente ad un livello alto.

Vaccini per tutti dal 10 giugno: addio alle fasce d’età
Per questo si è deciso di attendere ancora un paio di settimane, richiamando tutti a rispettare la priorità degli over 60. Un'operazione messa in campo anche come prospettiva per il futuro, continuando ad investire nella medicina territoriale.

Ryanair costretta atterrare a Minsk e oppositore viene arrestato
L'aereo è stato dirottato quando era quasi arrivato a destinazione, a poche decine di miglia dal confine lituano. Posso affermare di non avere problemi di salute, incluso il cuore o qualsiasi altro organo.

Eurovision Song Contest 2021: l'Italia trionfa con i Maneskin
Un problema tecnico ha messo a serio rischio l'incolumità di alcuni artisti che partecipano all'Eurovision 2021 . L'inconveniente ha inoltre penalizzato da parte della giuria l'esibizione di Senhit e dei ballerini .

Per i test viene proposto un periodo di validità standard (oggi ogni Paese stabilisce il periodo di validità autonomamente): per i test Pcr o molecolari la validità è di 72 ore, mentre per quelli rapidi antigenici è di 48 ore.

Un freno di emergenza nell'UE nel caso di nuove varianti Inoltre si propone di introdurre un "freno di emergenza" interno alla Ue per affrontare nuove varianti, reintroducendo misure restrittive per i viaggi anche per le persone vaccinate e quelle guarite se la situazione epidemiologica si deteriora rapidamente, o se è stata segnalata un'elevata prevalenza di varianti Covid preoccupanti. Mentre si assestano le organizzazioni dei singoli Stati, i turisti che vogliono prenotare le vacanze estive possono usufruire del portale della Commissione Re-open EU per simulare il proprio viaggio all'estero e conoscere le restrizioni in essere. Per quelli dalle zone arancioni: gli Stati membri potrebbero richiedere un test prima della partenza (antigene rapido o Pcr). Viaggiatori provenienti da zone rosso scuro: i viaggi non essenziali dovrebbero essere fortemente sconsigliati. In questi casi, dovrebbero rimanere i requisiti di test e (non 'o') quarantena. Anche i bambini sotto i 6 anni dovrebbero essere esentati dai test relativi al viaggio.

In generale, la UE propone di applicare regole di ingresso a seconda dello Stato/regione di provenienza, basandosi sulla mappa dell'Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) secondo la quale, per esempio, l'Italia è al momento divisa fra zone arancioni e rosse.

Condividere