Zona bianca per Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto: i nuovi colori, oggi

Condividere

'Abruzzo sarà da lunedì prossimo 7 giugno nella zona bianca. Tra le novità più importanti per chi entra in fascia 'bianca' c'è la cancellazione del coprifuoco e la riapertura di tutte le attività. "L'incidenza è di 32 casi su 100mila abitanti e tutte le regioni sono sotto il valore di 50 casi su 100mila abitanti". Come è assurda la richiesta di politici che per accaparrarsi simpatie hanno proposto l'eliminazione delle mascherine all'aperto; è chiaro che in alcune situazioni sono assolutamente inutili, ma è sbagliato pensare che la distribuzione di vaccini sia un toccasana; perché è ancora basso il numero di persone trattate, perché difendono solo parzialmente e non tengono conto delle varianti. Con l'ingresso in zona bianca è anticipato anche il via libera ai ricevimenti, per matrimoni e battesimi ad esempio. Fatta salva la possibilità, per i presidenti delle Regioni, di introdurre norme più restrittive, le riaperture in zona bianca riguardano le sale giochi, le sale scommesse, i bingo e i casinò, i centri culturali, sociali e ricreative. Da lunedì sono consentite anche al chiuso le feste conseguenti alle cerimonie civili e religiose (previste dal 15 giugno in zona gialla), sempre in aderenza alle specifiche linee guida e con l'obbligo delle "certificazioni verdi" per i partecipanti.

Il meteo di domenica 6 giugno, piogge e rovesci
Durante la mattina si dovrebbero verificare dei temporali , in particolar modo sul Veneto e sul Friuli Venezia Giulia . Le temperature saliranno fino a raggiungere i 27/30 gradi sulla maggior parte delle località interne da nord a sud .

Ecco la zona bianca rafforzata, con coprifuoco alle 24
A meno di sorprese, dalla settimana del 31 maggio entreranno in fascia bianca tre regioni: Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna.

Draghi stoppa Letta sulla tassa di successione
La reazione a caldo è stata furiosa , ma probabilmente è stata dovuta anche al terrore di quella parola: "tassa". Enrico Letta va alla guerra della tassa di successione .

Il 14 giugno potrebbe essere la volta di: Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Provincia di Trento e Puglia. Il 28 giugno dovrebbe esserci l'ingresso in zona bianca dell'ultima regione rimasta, la Valle d'Aosta.

Condividere