Saman Abbas scomparsa, il messaggio dello zio nella chat: "Lavoro fatto bene"

Condividere

Per la procura la notte a cavallo tra il 30 aprile e l'1 maggio, i genitori di Saman avrebbero consegnato al parente la figlia. Di Saman Abbas, diciottenne pachistana che viveva a Novellara nella Bassa Reggiana, non si hanno notizie da ormai più di un mese.

La testimonianza del fratello, ora in comunità protetta, è ritenuta dal Gip "piena prova indiziaria" della responsabilità dello zio nell'omicidio e "particolarmente credibile".

Del corpo "io gliel'ho chiesto - ha raccontato - in quanto volevo abbracciarla un'ultima volta". Sempre il giovane ha raccontato della reazione del padre, al rientro dello zio: "Si è sentito male e ha iniziato a piangere, stava quasi per svenire per mia sorella".

La sera del 30 aprile Saman aveva tentato di fuggire e ha avuto una violenta lite con i genitori.

Al momento la procura di Reggio Emilia indaga per omicidio, mentre diverse pattuglie continuano a cercare il corpo di Saman Abbas, nel registro degli indagati sono stati inseriti i genitori, Shabbar Abbas e Nazia Shaheen, i due cugini e lo zio. Lui le ha chiesto se voleva sposare qualcuno e lei ha risposto che voleva solo andare via. Il genitore allora ha chiamato lo zio perché la riportasse a casa. Lo zio poi è tornato, dicendo che tutto era sistemato. "Ora ci penso io".

Vaccini per tutti dal 10 giugno: addio alle fasce d’età
Per questo si è deciso di attendere ancora un paio di settimane, richiamando tutti a rispettare la priorità degli over 60. Un'operazione messa in campo anche come prospettiva per il futuro, continuando ad investire nella medicina territoriale.

Milano, arresto choc: "21enne drogata e stuprata" da imprenditore farmaceutico
L'indagine è partita il 28 marzo quando la 21enne, studentessa dell'Università commerciale Luigi Bocconi, ha denunciato ai militari di essere stata abusata.

Tassa successione, fonti Nazareno: "Dote 18enni è proposta per questa legislatura"
Ma il direttore di Libero stronca anche le altre proposte del segretario del Pd. Salvini , la Meloni e Forza italia l'hanno bocciata senza ragionarci su.

Tre persone vestite con abiti scuri che camminano, distanti l'una dall'altra, una imbracciando una pala, un'altra un secchio con un sacchetto e un altro un attrezzo.

Non si fermano le indagini sulla scomparsa della giovane Saman Abbas.

Oggi, la svolta. Stando a quanto riporta Il Giornale, Danish Hasnai - zio della ragazza ed uomo accusato dal fratello di Saman- parlando con alcuni conoscenti avrebbe parlato di "un lavoro fatto bene".

Il tutto in 13 minuti. Saman negli anni scorsi si era anche rivolta a una casa famiglia, che l'aveva ospitata per diverso tempo, salvo poi voler far ritorno a casa una volta maggiorenne, confidando nella maggior comprensione dei genitori. L'omicidio potrebbe essere stato anche premeditato, visto che 3 biglietti di aereo per il Pakistan erano stati acquistati 3 giorni prima. Il procuratrice di Reggio Emilia Isabella Chiesi ha però dichiarato: "Proseguono le ricerche dei resti della persona offesa, che purtroppo riteniamo sia deceduta. Non darei nessun riscontro positivo a quello che ha detto il padre, abbiamo appurato che in Belgio non c'è la ragazza". Così commentava in chat la sparizione della nipote Danish Hasnain, 33 anni, zio di Saman Abbas, la 18enne pakistana scomparsa a Novellara, in provincia di Reggio Emilia e della quale si sono perse le tracce da oltre un mese.

Condividere