Guerra in Bosnia: Ratko Mladic condannato all’ergastolo per genocidio

Condividere

Ratko Mladic è stato condannato in appello all'ergastolo da un tribunale delle Nazioni Unite, con le accuse di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra. In primo grado era stato condannato a 40 anni di carcere per crimini di guerra e per il genocidio dei musulmani bosniaci avvenuto tra il 1992 e il 1995.

Di tenore diverso le posizioni nella Republika Srpska, l'entità di Bosnia a maggioranza serba, dove al pari della Serbia in tanti continuano a considerare Mladic un eroe, condannato ingiustamente. Il leader serbo-bosniaco Milorad Dodik ha detto oggi che il tribunale dell'Aja non è luogo di giustizia, e le sue sentenze non hanno riappacificato i popoli della Bosnia-Erzegovina. Confermata quindi la sentenza di primo grado, emessa nel novembre del 2017, in cui Mladic era stato condannato per il suo ruolo nella guerra in Bosnia negli anni Novanta: nello specifico massacro di Srebrenica e nell'assedio di Sarajevo.

Covid, quanto valgono i vaccini per il Pil globale?
Un peccato, per chi non ha voluto approfittare di questa occasione o forse non sapeva di poterlo fare. Dalle ore 14.00 di ieri, inoltre, sono aperte le prenotazioni per le classi di età dal 1982 al 1986.

Berlusconi: "Complimenti ad Inter e Milan per Scudetto e Champions"
Intervistato da 'Il Giornale' , il presidente del Monza Silvio Berlusconi ha parlato anche di Monza : ... "Deluso serie A? L'anno meglio, c'è serie ". È campionato, dall'assenza pubblico. "Però complimenti all'Inter , milanese, vinto girone al essere Champions ". "Evidentemente sensibilità e avuto seguito". "Comunque pensi, è attuale".

Vaccini Covid, dal 10 giugno prenotazioni libere per tutti V
Successivamente si darà il via libera alla prenotazione per tutti. Senza nessuna restrizione relativa alle fasce d'età.

A pronunciarsi, durante il procedimento che si protrarrà per diverse ore, 10 giudici che valuteranno le diverse accuse e prove a carico dell'imputato. La sentenza è definitiva, senza ulteriori possibilità di ricorsi. Le restrizioni legate alla pandemia di coronavirus hanno limitato il loro afflusso all'Aja.

Condividere