Caos vaccino AstraZeneca: verso nuovo stop ai giovani, rischi maggiori dei benefici

Condividere

A fine maggio, per queste ragioni, è stata chiesta l'archiviazione dell'indagine che ha riguardato la drammatica fine della giovane insegnante. "In questi casi i preparati di Pfizer e Moderna basati sull'Rna messaggero".

Il meteo di domenica 6 giugno, piogge e rovesci
Durante la mattina si dovrebbero verificare dei temporali , in particolar modo sul Veneto e sul Friuli Venezia Giulia . Le temperature saliranno fino a raggiungere i 27/30 gradi sulla maggior parte delle località interne da nord a sud .

Ryanair costretta atterrare a Minsk e oppositore viene arrestato
L'aereo è stato dirottato quando era quasi arrivato a destinazione, a poche decine di miglia dal confine lituano. Posso affermare di non avere problemi di salute, incluso il cuore o qualsiasi altro organo.

Sondaggi: Quorum/Youtrend; per 50,6% bene primi 100 giorni Draghi
Il Margine d'errore è del +/- 3,5% con un intervallo di confidenza del 95%. Il sondaggio ha infine rilevato anche le intenzioni di voto .

Per l'esperta, dato che le dosi a disposizione adesso ci sono, "vale la pena di scegliere il vaccino più sicuro in rapporto all'età". Il tasso di segnalazione delle trombosi venose intracraniche e in sede atipica in soggetti vaccinati con il vaccino anti-Covid Vaxzevria di AstraZeneca "è in linea con quanto osservato a livello europeo". "Attualmente la paziente è ricoverata in terapia intensiva in respiro spontaneo", comunica la direzione dell'ospedale Policlinico San Martino di Genova. "Sono sempre stata convinta che non bisognerebbe darli a persone di età inferiore ai 55 anni", spiega Antonella Viola, immunologa, docente di patologia generale a Padova, direttore scientifico dell'istituto di ricerca pediatrica Città della Speranza, riferendosi agli Open day dei vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson. Anche per questo ora si punta a soddisfare la domanda di fasce di popolazione più disponibili, senza le quali il ritmo della campagna rallenterebbe drasticamente: "l'allarme c'è non solo nella mia regione - dice il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga- c'è una fetta di popolazione incerta, che non si vuole vaccinare, e su quella dobbiamo essere convincenti, dobbiamo fare una campagna, per tutelare il singolo e tutti gli altri". Intanto dopo i due casi di trombosi in Liguria stanno fioccando le disdette e i rifiuti anche se ormai, le scorte di Astrazeneca in Italia, sono sempre meno. Le segnalazioni gravi corrispondono al 10,4% del totale, con un tasso di 21 eventi gravi ogni 100mila dosi somministrate, indipendentemente dal tipo di vaccino, dalla dose (prima o seconda) e dal possibile ruolo causale della vaccinazione. "Ma lancio un appello ai ragazzi: devono stare tranquilli, in tutto il mondo i giovani sono stati sottoposti al vaccino e gli effetti collaterali sono stati minimi".

Condividere