AstraZeneca ai giovani? "In Lombardia non si fa"

Condividere

Durante l'evento, che si è tenuto nella sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio e alla quale hanno partecipato anche il Commissario straordinario Gen. Francesco Paolo Figliuolo, il Coordinatore del Cts, Prof. Ecco come cambierà la vaccinazione nel nostro Paese. C'è un'esigenza di vaccinare e di farlo il più velocemente possibile perché il risultato lo si otterrà con una velocità di arrivo a questi valori, i dati di susseguono e si precisano meglio nell'uso reale a livello mondiale, quindi un'indecisione o un elemento di incertezza non è una sconfitta, ma dobbiamo massimizzare la sicurezza alla luce di una necessità di vaccinazione. A Oggi è un altro giorno su Rai1 si è dibattuto sul cortocircuito comunicativo e istituzionale che si è venuto a creare sul vaccino, e in particolare su quello anglo-svedese.

"Il Cts, in accordo con l'Aifa e il ministero della Salute, ha ritenuto opportuno rivalutare le disposizioni per l'uso di AstraZeneca - ha spiegato Franco Locatelli -. Il rapporto tra benefici della vaccinazione e rischi declinati, come trombosi in seni inusuali, cambia non solo in funzione dell'età delle persone vaccinate, ma proprio per il mutato scenario".

Zona bianca per Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto: i nuovi colori, oggi
Il 14 giugno potrebbe essere la volta di: Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Provincia di Trento e Puglia . Il 28 giugno dovrebbe esserci l'ingresso in zona bianca dell'ultima regione rimasta, la Valle d'Aosta.

Covid, quanto valgono i vaccini per il Pil globale?
Un peccato, per chi non ha voluto approfittare di questa occasione o forse non sapeva di poterlo fare. Dalle ore 14.00 di ieri, inoltre, sono aperte le prenotazioni per le classi di età dal 1982 al 1986.

Eros Ramazzotti non gioca la Partita del Cuore: caos Nazionale Cantanti
Aurora ha concluso così il suo intervento su Instagram: "Non voglio che l'episodio vada a infangare la buona causa del progetto". La Partita del Cuore andrà in onda in diretta dall'Allianz Stadium di Torino e sarà condotta da Federica Panicucci .

Nel caso di prima dose, rimarrà la suddivisione in base all'età ormai consolidata: Astrazeneca solo per gli over 60, il Janssen per chi ha tra i 50 e i 59 anni ( fino esaurimento delle scorte) e il vaccino Pfizer per chi ha meno di 50 anni. I cittadini più giovani dunque riceveranno esclusivamente i vaccini a mRna, ossia il candidato di Pfizer o Moderna.

In Giappone, nonostante l'approvazione del farmaco da parte dell'Agenzia dei Prodotti Farmaceutici e dei Dispositivi Medici giapponese, avvenuta lo scorso 21 maggio, il governo ha deciso di non utilizzare le dosi disponibili prima di capire i limiti di età per la sua somministrazione.

Condividere