Verbania Tragedia del Mottarone, diffuso il video della telecamera di sorveglianza

Condividere

Dal video, ripreso dalle telecamera di sicurezza, si vede la cabina numero 3 arrivare ad un metro dalla stazione e ribaltarsi mostrando la pancia.

Nelle immagini si vede anche l'operatore della stazione allontanarsi rapidamente e chiamare i soccorsi, ma ormai la tragedia si era consumata. Come la cabina nella quale si trovavano 15 persone mentre stava per entrare nella stazione sia improvvisamente partita, iniziando ad andare all'indietro e percorrendo circa 300 metri agganciata alla fune portante - lunghissimi secondi, che abbiamo scelto di non mostrare -, per poi precipitare.

Читайте также: Bar e ristoranti, ora ritrovano l’interno "Soddisfatti a metà"

Nelle drammatiche immagini si vede come la cabina abbia quasi completato il suo normale tragitto. Poco prima dell'arrivo, però, il rallentamento e il blocco. Portare a conoscenza degli indagati e dei loro difensori gli atti del procedimento a loro carico nelle fasi processuali in cui ciò è previsto, non significa, per ciò stesso, autorizzare ed avallare l'indiscriminata divulgazione del loro contenuto agli organi di informazione, soprattutto, come in questo caso, in cui si tratti di immagini dal fortissimo impatto emotivo, oltretutto mai portate a conoscenza neppure dei familiari delle vittime, la cui sofferenza, come è di intuitiva comprensione, non può e non deve essere ulteriormente acuita da iniziative come questa. L'accusa è di concorso in omicidio colposo plurimo, lesioni colpose gravissime, falso in atto pubblico e rimozione dolosa di sistemi di sicurezza.

Le immagini sono ora al vaglio degli inquirenti della procura di Verbania che indagano sul gestore della funivia, Luigi Nerini, il direttore di esercizio Enrico Perocchio, e il capo servizio, Gabriele Tadini.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2021 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Condividere