Seconda dose AstraZeneca, Draghi: "Chi vuole, può farla"

Condividere

Ho più di 70 anni, la prima dose di AstraZeneca ha dato una risposta bassa di anticorpi e mi si consiglia di fare l'eterologa, che funziona per me e funziona ancor di più per chi ha meno di 60 e 70 anni.

Se prorogare o meno lo stato di emergenza per il Covid, che scade il 31 luglio, "lo decideremo vicini alla data della scadenza", ha detto poi Draghi precisando: "Non si può decidere lo stato di emergenza con un mese e mezzo di anticipo, un'emergenza è un'emergenza".

Sono bastati pochi minuti a Mario Draghi per ribadire in maniera perentoria l'importanza della campagna di vaccinazione e soprattutto per fare chiarezza dopo il caos comunicativo e istituzionale sorto su AstraZeneca, le seconde dosi e il mix di vaccini.

"L'eterologa funziona, io sono prenotato martedì".

Violenza sessuale di gruppo a Siena, tre arresti
Che prende in carico rapidamente le presunte violenze e cerca di cristallizzare i fatti, dando ad essi la massima priorità. Tre giovani , tutti maggiorenni, sono stati arrestati dalla squadra mobile della Questura di Siena per stupro.

M5S nel caos, Casaleggio lascia il Movimento: "nemmeno mio padre lo riconoscerebbe"
E su Casaleggio spiega: "Le strade si sono divise, ma io e tutto il Movimento abbiamo grande rispetto per Casaleggio, padre e figlio".

Le regole da seguire in ZONA BIANCA
Lo ha affermato il governatore Massimiliano Fedriga che ha firmato ieri sera l'ordinanza contingibile e urgente numero 12. Dal lunedì 31 maggio saranno 3 le regioni a passare in zona bianca: Sardegna, Molise e Friuli-Venezia Giulia .

"Se una persona under 60 ha fatto la prima dose del vaccino AstraZeneca e le viene proposta la vaccinazione eterologa ma non vuole, questa persona è libera di fare la seconda dose di AstraZeneca purché abbia un parere del medico e un consenso ben informato".

Una possibilità ribadita anche dal generale Francesco Figliuolo: "La raccomandazione principale è di fare l'eterologa, ma se un individuo sotto i 60 vuole fare AstraZeneca, ci sarà la possibilità di valutare e farlo, noi siamo in grado di garantire la flessibilità e la libertà delle scelte personali". La cosa peggiore da fare in quei casi è non fare nessuna seconda dose. "Quindi funziona per me e ancor più vero funziona per chi ha meno di 70 anni e meno di 60 anni", dice il premier. "Non c'è alcun motivo di temere che ci sarà un rallentamento". Successivamente il premier ha aggiunto che sulle mascherine all'aperto chiederà il parere del Cts già domani, mentre sullo stato di emergenza la discussione è rimandata in avanti. "Rispetto ad altri Paesi, è uno dei comportamenti più ammirevoli, ricordiamocelo", sottolinea Draghi.

"Nel nostro Paese è stato disposto l'obbligo per il vaccino anti-Covid per gli operatori sanitari e ciò è giusto ma in questo momento non c'è la previsione di altri tipi di obbligatorietà. Vediamo una risposta positiva dei nostri cittadini e la campagna continuera ".

"Abbiamo già fatto tutta la pianificazione e riprogrammato con le Regioni, sostanzialmente sono state assicurate già le dosi per l'eterologa di tutto giugno e a breve assicureremo quelle per tutto luglio" spiega Figliuolo, sottolineando come non ci siano rallentamenti nella campagna vaccinale. Così il Commissario per l'Emergenza, Francesco Figliuolo.

Condividere