Draghi: "Non ci sono piani per cambiare sede della finale"

Condividere

Parole forti e chiare, che sono apparse a molti un grido d'allarme, ma anche la volontà implicita da parte di Draghi di caldeggiare l'opzione Roma, come eventuale teatro delle finale di Euro 2020. L'asso nella manica del governo italiano sarebbe l'allargamento della capienza dello Stadio Olimpico fino al 50% (il doppio di oggi): davanti alla possibilità di ospitare 32 mila spettatori per la finale la Uefa non potrebbe dire di no. Ovvimente il tutto dovrebbe passare attraverso il parere del ministro Speranza e del Comitato Tecnico Scientifico. Attualmente però, l'Inghilterra è alle prese con l'aumento di contagi della variante Delta e con le relative difficoltà per i tifosi dovute alle rigide norme di quarantena per chi entra in Gran Bretagna.

"Mi adopererò perchè la finale non si faccia nei paesi dove i contagi stanno crescendo rapidamente".

COVID-19 - Il bollettino della Protezione Civile: 1.901 nuovi contagi
I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.876, in calo di 277 unità rispetto a ieri. Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/ .

AstraZeneca ai giovani? "In Lombardia non si fa"
I cittadini più giovani dunque riceveranno esclusivamente i vaccini a mRna, ossia il candidato di Pfizer o Moderna. Francesco Paolo Figliuolo , il Coordinatore del Cts, Prof.

Saman Abbas scomparsa, il messaggio dello zio nella chat: "Lavoro fatto bene"
Di Saman Abbas , diciottenne pachistana che viveva a Novellara nella Bassa Reggiana, non si hanno notizie da ormai più di un mese. Per la procura la notte a cavallo tra il 30 aprile e l'1 maggio, i genitori di Saman avrebbero consegnato al parente la figlia.

"Spostare la finale degli Europei a Roma?".

"La UEFA, la federazione inglese e le autorità inglesi stanno lavorando a stretto contatto con successo per organizzare le semifinali e la finale di EURO 2020 a Wembley e non ci sono piani per cambiare la sede delle partite". Lo afferma in una nota la Uefa. "Non c'è alcun grande problema da discutere nei nostri rapporti, tranne il calcio in cui esistono sensibilità diverse: l'Italia è un'ottima squadra, ma io tifo per la Germania", ha detto la cancelliera. Poi una battuta su Gosens: "Comunque entrambi pensiamo che il tedesco Gosens dell'Atalanta sia un ottimo giocatore".

Condividere